0
0
0
s2sdefault

Si conclude oggi, 15 luglio, la campagna di solidarietà “Con il cuore, nel nome di Francesco” promossa dai frati di Assisi a favore dei poveri in Italia vittime della crisi economica dovuta alla pandemia per il coronavirus.

 

0
0
0
s2sdefault

Anche le Caritas diocesane hanno pagato un duro prezzo durante l’emergenza Coronavirus: tra operatori e volontari sono stati 179 quelli positivi al Covid-19, di cui 95 ricoverati e 20 deceduti.

 

0
0
0
s2sdefault

Il 34% delle persone che si sono rivolte alle Caritas diocesane nel periodo del lockdown sono “nuovi poveri”, ossia persone che si sono rivolte per la prima volta alle strutture ecclesiali.

 

0
0
0
s2sdefault

Un numero di telefono, centinaia di operatori sparsi in tutta Italia, un solo obiettivo: ascoltare i bisogni delle famiglie e supportarle in questa fase delicata della ripartenza, segnata dall’incertezza, dalle difficoltà economiche, da problematiche legate alla disabilità.

 

0
0
0
s2sdefault

Nel periodo più difficile che potevamo immaginare non si sono fatti attendere gesti di solidarietà ordinari e straordinari. La creatività e la fantasia degli italiani, popolo dal cuore grande, si è mostrata anche ai tempi del Covid19.

 

0
0
0
s2sdefault

Riaprire rapidamente scuole e spazi educativi prevedendo iniziative di sostegno per i bambini con difficoltà. Lo chiedono una trentina di pediatri di tutto il territorio nazionale, sostenendo che, mentre il rischio contagio è bassissimo, sono preoccupanti i danni psicologici e educativi prodotti da questo prolungato isolamento, che ha peraltro esasperato le disuguaglianze sociali.

 

 

Forum Famiglie Puglia