Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Millenovecentocinquanta anni e non sentirli. Tanti ne sono trascorsi infatti dal 68 d.C., anno in cui la tradizione fissa il transito di Sant’Oronzo, riconoscendo in tale figura non solo il primo battezzato della nostra terra ed il primo vescovo di Lecce ma addirittura uno dei più remoti martiri del Cristianesimo.

0
0
0
s2sdefault

 Un tratto caratteristico che la devozione pugliese ha attribuito nel corso dei secoli a Sant’Oronzo è il suo intervento volto a scongiurare epidemie, tempeste di fulmini e terremoti. Il primo caso risultò decisivo per il patronato su Lecce.

0
0
0
s2sdefault

È noto come, in passato, la figura di Sant’Oronzo sia stata adoperata da parte leccese per contrastare l’egemonia della sede di Otranto. I vescovi della città idruntina hanno infatti sempre goduto del titolo di “primati del Salento” ed ancora sino a poco tempo fa indossavano il pallio dei metropoliti.

0
0
0
s2sdefault

 Botrugno, nell’arcidiocesi di Otranto, è contrada prettamente bizantina. La bella chiesa dedicata alla Vergine di Costantinopoli, quella dell’Assunta, la cappella rurale dell’oscuro San Solomo, sono testimonianze eloquenti delle sue radici greche.

0
0
0
s2sdefault

Dopo aver esplorato il culto e la religiosità di Turi, il nostro viaggio sulle tracce di Sant’Oronzo raggiunge Botrugno, nell’arcidiocesi di Otranto. Qui incontriamo Andrea Bello, dottore in Lettere moderne, studioso delle vicende locali ed autore dell’agile volume Oronzo, Giusto, Fortunato. La tradizione, la storia, la fede.

0
0
0
s2sdefault

Alla fine si tratterà di un vero appuntamento con la storia. Dopo opportune valutazioni ed accurati esami diagnostici da parte di un pool di esperti (sono state coinvolte l’Università del Salento, La Sapienza di Roma ed il Politecnico di Torino) il restauro della statua del santo patrono condotto dalla ditta Colaci Emilio Impianti, specializzata nel recupero di beni artistici, proseguirà a Palazzo Carafa, ovviamente con l’assenso della Sovrintendenza.

 

prossimi eventi

20 Gen

Parrocchia cattolica e ortodossa rumena in preghiera. Pranzo comunitario  

21 Gen

Incontro con la comunità.

 

22 Gen
OVIDIU GRANCEA - Parroco ortodosso rumeno
22.01.19 7:00 pm - 8:00 pm

Preghiera ecumenica.

23 Gen

Incontro biblico.

25 Gen

L' Arcivescovo Michele Seccia  incontra i rappresentanti delle altre confessioni cristiane presenti in diocesi.

26 Gen
GMG IN DIOCESI
26.01.19
26 Gen
Marcia della Pace Acr "La pace è servita"
26.01.19 3:00 pm - 6:00 pm

 

Partenza da Parco Tafuro a Lecce

-  Accoglienza ore 15

- Momento di preghiera con il vescovo 

- Marcia

- Santa Messa ore 16.30 presso la Parrocchia San Guido

1 Feb

Incontro con la comunità.

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it