0
0
0
s2sdefault

La Domenica della Parola di Dio che si terrà domani 24 gennaio, istituita da Papa Francesco con la Lettera apostolica “Aperuit Illis”, nella Chiesa di Lecce, grazie all'iniziativa della comunità parrocchiale dei Santi Angeli Custodi in San Pietro Vernotico  sarà vissuta con una “Maratona biblica”, in diretta streaming sulla pagina Facebook di Portalecce dalle 5 alle 22.

 

0
0
0
s2sdefault

Oggi, sabato 23 gennaio, nella Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, si celebra l’eucarestia prefestiva della III domenica del tempo ordinario. Alle 18 la messa vespertina dalla cattedrale di Lecce presieduta da donAdolfo Putignano.

 

0
0
0
s2sdefault

Dalla parte delle donne e non solo, la rubrica condotta dalla scrittrice leccese Giovanna Politi, nel 2021 si arricchisce di un ulteriore appuntamento settimanale per cui andrà in onda il martedì dalle 9.30 alle 10.30 e il giovedì dalle 10.30 alle 11.30.

 

0
0
0
s2sdefault

 

 

Ai microfoni de “Il sale della terra”, la rubrica settimanale di Radio Portalecce, intervengono il neo sacerdote don Alessio Seconi e il neo diacono don Antonio De Nanni in diretta sul gruppo Facebook di Radio Portalecce alle 18. 

 

Don Antonio è stato ordinato diacono il 27 dicembre 2020, festa della Santa Famiglia e 45° anniversario di ordinazione diaconale dell’arcivescovo Michele Seccia mentre, don Alessio è stato ordinato sacerdote il 5 gennaio 2021 nella cattedrale di Lecce.

I due giovani parleranno della chiamata al sacerdozio, del servizio del diaconato e del cammino che porta all’ordinazione. Del periodo della formazione, delle conferme da parte di Dio della loro chiamata e anche delle difficoltà che si incontrano nel percorso che porta al sacerdozio.

 

0
0
0
s2sdefault

 

 

Un’amicizia lunghissima, quella fra don Franco Lupo e don Oronzo De Simone. Leccesi, pietre della storia leccese del Novecento. Don Oronzo era il confessore del famoso poeta e drammaturgo in vernacolo deceduto due giorni fa all’età di 94 anni.

La commozione non gli ha consentito di parlare, del fraterno amico durante la celebrazione del funerale, svoltasi l’altro giorno nella basilica di San Domenico Savio, nel capoluogo salentino. Poi il sacerdote novantunenne ha affidato i ricordi a carta e penna. «Mi si è chiesta una breve parola, non lunga come quella detta in cattedrale per il cinquantesimo del suo sacerdozio. Ora affido alla stampa questi tre miei ricordi» ha esordito don Oronzo.

E dunque la memoria che affonda in anni lontanissimi, in tempi molto diversi da quelli odierni: «Amico fin dall’infanzia, perché dirimpettaio, ancor prima degli anni di seminario. Si giocava a stacce sul terrazzo di casa mia». Il gioco ricordato dal prelato era simile a quello delle bocce, effettuato con pietre lisce e piatte che i concorrenti cercavano di affiancare il più possibile alla staccia che fungeva da boccino. Passatempi fai da te, altra epoca. 

«Dopo lungo volgere d’anni - continua don Oronzo - dovevo contribuire con uno studio sulla Curia romana del dizionario canonico del defunto card. Pietro Palazzini: cedetti a don Franco la penna per la traduzione latina del mio testo giuridico. Sicuro com’era dei suoi “verba ad audiendum iucunda”, di ciceroniana memoria».

E infine: «Dentro e fuori il sacramento della settimanale riconciliazione sempre si anticipava questo giorno fatidico della divina misericordia per lui».

0
0
0
s2sdefault

 

 

Stamattina, nella cappella della confraternita di San Francesco da Paola (la sua confraternita, quella del santo di cui portava il nome e del quale era tanto devoto tanto da tornare da giovane spesso a Paola per pregare sulla sua tomba), la sepoltura del caro don Franco Lupo.

L'arcivescovo Michele Seccia si è recato al cimitero di Lecce (CLICCA QUI), per la tumulazione della salma di don Franco Lupo. Il presule ha voluto dare l'estremo saluto e con alcuni familiari di don Franco, con don Attilio Mesagne e con Vincenzo Paticchio, direttore di questa testata, ha pregato per questo sacerdote tanto amato dal suo popolo.

Lascia questa terra un figlio diletto di Lecce e un esempio di bontà e generosità, che la diocesi non dimenticherà.

 

 

 

Scuola Diocesana di formazione teologica

Forum Famiglie Puglia