0
0
0
s2sdefault

Secondo la leggenda Lorenzo elargì ai poveri il ricavato della vendita dei beni della Chiesa di Roma anziché consegnarlo al prefetto; il raggiro gli costò il rogo.

0
0
0
s2sdefault

Nel Salento il santo protegge dall’epilessia, popolarmente indicata come lu male te Santu Tunatu, il male di San Donato.

0
0
0
s2sdefault

L’anticipazione dei festeggiamenti in onore della Madonna avvenuta nel mese di maggio con la dedicazione di un intero mese registra una concentrazione di eventi in suo onore nei mesi di agosto e settembre quando è invocata con innumerevoli titoli.

 

0
0
0
s2sdefault

Si sono conclusi a Scorrano gli attesi festeggiamenti in onore di Santa Domenica, la stupenda santa dei leoni, che come di consueto hanno attirato numerosissimi devoti. Ne abbiamo parlato con il prof. Giovanni Giangreco, memoria storica del comune salentino.

0
0
0
s2sdefault

Il suo culto di San Vito, benché fondato su fatti leggendari, si diffuse a partire dal V secolo, ma la devozione nei suoi confronti è divenuta intensa dal Medioevo, soprattutto da parte di chi era affetto di “còrea” (termine in verità coniato verso la metà del XVII secolo).

0
0
0
s2sdefault

Sant’Antonio di Padova gode una profonda venerazione nel Salento; nel mondo rurale spesso era contrapposto a Sant’Antonio abate per una presunta appartenenza di quello al ceto nobile, sicché i due santi avrebbero protetto i due distinti ceti sociali.

 

Forum Famiglie Puglia