Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Nel calendario liturgico, proprio della Chiesa di Lecce, il 6 novembre si celebra l’anniversario della Dedicazione della Cattedrale, chiesa madre di tutti i fedeli e centro della vita liturgica diocesana.

Il rito della Dedicazione di una Chiesa è uno dei riti più suggestivi e ricchi della liturgia latina; in realtà dobbiamo ricordare che nei primi secoli, quando ancora non si era sviluppata una vera è propria liturgia della Dedicazione, era proprio la celebrazione dell’eucaristia a rendere “sacro” il luogo in cui si riunivano i cristiani.

Dopo la Riforma liturgica del Vaticano II, con la conseguente revisione dei Libri liturgici la liturgia della Dedicazione, presieduta dal vescovo, inizia con la benedizione e l’aspersione dell’acqua sull’altare e sulle pareti dell’edificio.

Successivamente al canto delle Litanie dei santi, il vescovo depone le reliquie di alcuni Santi sotto l’altare, segno della presenza di Cristo, l’Unto; le dodici croci, segno degli apostoli, poste su muri del tempio che reggono la Chiesa di Dio, vengono unte con il Sacro Crisma. Infine, l’intero edificio è avvolto dalla nube d’incenso, che sale dal braciere posto sull’altare e che è il simbolo della preghiera che si eleva al Cielo. La Chiesa si illumina a festa, segno della luce di Cristo.

Ricordare il giorno della Dedicazione della Cattedrale significa celebrare l’opera della salvezza compiuta dal Signore nella Chiesa diocesana.

Diceva Sant’Agostino in una omelia per la Dedicazione: “se queste pietre materiali non fossero unite tra di loro con la carità, se non combaciassero facilmente, se non si amassero in qualche modo aderendo tra di loro vicendevolmente, questo tempio non ci sarebbe - e aggiungeva - anche noi dobbiamo essere uniti nella carità”.

Tutti devono sentirsi come pietre vive a servizio della Chiesa locale.

Infatti, ciascuno è chiamato a proclamare la salvezza operata da Cristo vivendo con gioia, serenità e semplicità il proprio servizio. Ogni servizio è prezioso se contribuisce alla crescita dell’amore della fede e della speranza.

 

prossimi eventi

27 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don Adolfo Putignano presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

28 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don  Gianmarco Errico presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

29 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: Padre Francesco Laguna presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

30 Mag

Ore 20,30: l'arcivescovo Michele Seccia presiede la concelebrazione eucaristica della Veglia di Pentecoste con la consacrazione del Crisma e la benedizione dell'olio dei catecumeni e dell'olio degli infermi. Diretta su Portalecce e Telerama

 

 

31 Mag

Ore 18,15:  l'arcivescovo conclude il mese di maggio recitando il santo rosario. Ore 19 Santa messa.