0
0
0
s2sdefault

In questi giorni abbiamo letto tante cose su mons. Pierino Liquori e non siamo stupite di quanto affetto ha saputo raccogliere, tuttavia, possiamo osare dire che egli ha riservato un’attenzione particolare per la crescita spirituale, umana e culturale delle religiose della diocesi di Lecce.

 

 

In particolare lo vogliamo ringraziare per tutto quello che ha fatto per noi Suore discepole del Sacro Cuore. Egli ci ha esortate a riscoprire e ad essere fedeli ciascuna al nostro carisma. Ci ha invitate a promuovere e a viverlo nei suoi due aspetti: quello cultuale, nel promuovere e zelare il culto e la devozione al Sacro Cuore. E ne servizio ai fratelli nelle opere caritative di assistenza ai malati, agli anziani, ai bisognosi in genere; catechesi ai bambini e alla gioventù.

Queste le opere esercitate e desiderate dalla Madre Fonda­trice, la Venerabile Madre Santina De Pascali, anche se oggi realizzate in forme più corrispondenti alle esigenze dei tempi attuali. È nelle nostre mani l’eredità preziosa della grande personalità di Madre Santina, anima instancabilmente tesa nella donazione totale di sé al servizio delle membra “doloranti” della Chiesa. “Tocca a noi, nutrendoci alla fonte dell’amore, imparare a pregare, ad ascoltare e, soprattutto ad amare concreta­mente come lei.”

Don Pierino ci ha accompagnate in questi anni  con  una  presenza, certamente saltuaria per i suoi molteplici  impegni pastorali   ma  sempre  discreta  e  disponibile,  accostandosi  alle  nostre gioie  e  alle  nostre  speranze,  facendo  suoi  i  nostri  dolori  e  i  nostri problemi. Infatti, ha cercato, con le modalità proprie della sua personalità, di far crescere nella nostra comunità una fede consapevole in Gesù Cristo, dove i gesti e i sacramenti fossero un’assunzione non abitudinaria ma matura dell’atto che si è deciso liberamente di compiere. Tutto questo rimarrà nostro patrimonio spirituale.

Grazie Don Pierino, per l’invito ad aprirci senza paure, senza rigidità, per essere libere dalle strutture fisiche e mentali che ci chiudono. Grazie per l’esperienza di vita ricca spiritualmente della Parola di Dio. Grazie per la vera testimonianza di fede, una fede che si nutre della Parola di Dio nella meditazione; una fede che, maturata nella coscienza e nel cuore, poi si manifesta come un frutto maturo, un frutto di un grande lavoro, di una grande preoccupazione pastorale, apostolica. Infine, grazie per averci testimoniato l’essenzialità, infatti, senza sfarzi inutili, ma con decoro ha cercato e sta cercando, tuttora, di dare risposte alle necessità materiali della nostra missione in Madagascar, con le adozioni a distanze, le bomboniere solidali e con la realizzazione di un pozzo per l’acqua. Ognuna di noi, in questo momento, avrebbe qualcosa da dirgli, vorrebbe parlargli di attese non realizzate, oppure di obiettivi e di attività felicemente portate a compimento. Ci hai insegnato che la fede non si esaurisce nei riti e nel culto della domenica, perché una fede priva delle opere, è un’illusoria testimonianza, di quell’amore che si celebra nella liturgia.

Che il Signore ti aiuti a continuare in questa testimonianza.

Che il Signore benedica i cinquant’anni che ha vissuto in fedeltà, come espressione della Sua fedeltà. E che il Signore gli dia ancora energia, voglia, gioia per continuare a rendere testimonianza all’amore di Dio, e quindi per continuare a “illuminare” con la sua presenza tutti noi!

Auguri Don Pierino e buon proseguimento del cammino.

*Superiora generale delle Suore discepole del Sacro Cuore

DIRETTA DELLA SANTA MESSA

Stasera alle 19, la santa messa prefestiva presieduta dal vescovo Cristoforo Palmieri, in preparazione al Giubileo sacerdotale di don Pierino, sarà trasmessa da San Lazzaro in diretta sulla pagina Fb di Portalecce.

 

Scuola Diocesana di formazione teologica