Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Molto lacunose le notizie biografiche su San Rocco, che nascondeva una croce vermiglia sul petto, legato alla liberazione di alcune città italiane, funestate dalla peste verificatasi intorno al 1300, ed egli stesso colpito dal morbo.

 

Originario di Montpellier si fece pellegrino con l’intento di raggiungere Roma; durante il percorso si prodigò a curare, soccorrere e guarire miracolosamente molti appestati. Per la sua vocazione di pellegrino è raffigurato col bordone a cui è legata una zucca (piena d’acqua), il cappello a tese larghe per proteggersi dal sole o dalla pioggia, il mantello a mezza gamba che in suo onore fu denominato sanrocchino o sarrocchino, un rosario appeso alla cintola e, sul petto, una o due conchiglie di Santiago per attingere acqua da fiumi o sorgenti o pozze. Colpito dal morbo e, per non essere di peso ad alcuno, si ritirò in un luogo solitario confortato soltanto dalla presenza di un cane che, quotidianamente, gli portava un tozzo di pane perché si nutrisse e che gli leccava la gamba per lenire il dolore del bubbone pestifero.

   

Nell’iconografia il fedele quadrupede, con una pagnotta in bocca, gli è vicino, mentre il santo è raffigurato con la gamba (sinistra o destra) scoperta e la mano che indica una visibile piaga.

San Rocco è particolarmente venerato a Venezia; nel Salento, a Leverano e Torrepaduli (Ruffano).

    

A Lecce, prima del 1520, sotto la chiesa di San Sebastiano, sorta come ex voto dopo un’epidemia di peste, esisteva una chiesa rupestre dedicata ai Santi Leonardo, Sebastiano e Rocco.

Queste prime testimonianze ci indicano con chiarezza che agli inizi il culto per San Rocco nel Salento fu associato a quello di San Sebastiano in quanto entrambi protettori contro la peste.

Per devozione a san Rocco si mangiavano i lacci, i sedani.

Tra i proverbi si ricorda: per san Rocco la rondine fa il fagotto ossia si accinge a lasciare i luoghi dell’Europa occidentale per raggiungere quelli più caldi.

Per approfondimenti: R. Barletta, Quale santo invocare?, Edizioni Grifo, 2013

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it