Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Ieri, nella festa della Natività della Beata Vergine Maria, Suor Rute Tavares de Azevedo e Suor Marie J.F. de Chantal Byukunsenge, rispettivamente di origini brasiliana e ruandese, della congregazione delle Salesiane dei Sacri Cuori, hanno celebrato la loro professione perpetua nel Santuario San Filippo Smaldone, conosciuto meglio come la chiesa delle Scalze. Ha presieduto l’eucarestia ed il rito l’arcivescovo Michele Seccia

Dopo due mesi intensi di formazione vissuti come occasione per respirare a pieni polmoni la ricchezza dei doni e la molteplicità delle culture, in una comunione fraterna e gioiosa oltre che per riflettere sull’impegno definitivo di amore al Signore, con il pronunciamento del “sì” per tutta la vita, hanno condiviso con le consorelle e gli amici la gioia di appartenere per sempre al Signore e di servirlo nella famiglia religiosa delle Salesiane dei Sacri Cuori.

Nella pienezza della loro volontà e libertà, attraverso le mani della Madre generale, suor Ines De Giorgi, le due giovani hanno consacrato in perpetuo la loro vita accettando di vivere ogni giorno i voti di castità, povertà e obbedienza, al servizio di Dio nei fratelli più bisognosi. 

In questo momento storico in cui la fedeltà è messa alla prova in quanto immersi in una cultura del provvisorio e del frammento, che può condurre a vivere nella liquidità sentimenti e scelte di vita, il “sì” per sempre di suor Rute e suor Marie Chantal risuona ancora forte nei cuori dei presenti come segno di speranza per il presente ed il futuro del mondo, della Chiesa. 

Pace e serenità hanno segnato tutta la celebrazione, animata dal coro dei giovani di Torchiarolo, che hanno contribuito a riempire l’aria di gioia e gratitudine al Signore per il dono di queste due vocazione che diventano madri di questa umanità che sta perdendo l’orientamento.

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it