0
0
0
s2sdefault

“Una estate senza viaggiatori da Paesi extra Ue in Italia costa oltre 5 miliardi al sistema turistico nazionale per le mancate spese nell’alloggio, nell’alimentazione, nei trasporti, divertimenti, shopping e souvenir”.

 

 

Lo rileva una analisi della Coldiretti sugli effetti della proroga nel nuovo Dpcm, in vigore dal 15 luglio, che dispone l’obbligo di quarantena per chi arriva da Paesi extracomunitari. “Lo scorso anno in Italia ci sono stati oltre 5 milioni di cittadini dagli altri continenti durante i mesi di luglio, agosto e settembre che quest’anno rischiano di essere praticamente azzerati”, secondo l’analisi dell’associazione su dati Bankitalia.

“Particolarmente pesante è la perdita dei turisti statunitensi – continua Coldiretti - perché hanno un budget elevato con una spesa estiva complessiva di 1,8 miliardi in Italia, durante i mesi di luglio, agosto e settembre”. Secondo l’associazione, “le mete privilegiate sono le città d’arte che risentiranno più notevolmente della loro mancanza ma gli americani prestano anche particolare attenzione alla qualità dell’alimentazione per la quale destinano una quota elevata della spesa durante la vacanza”.

“Gli effetti si faranno sentire anche dal venir meno della leva positiva del turismo sulle esportazioni nazionali con i turisti che al ritorno in patria cercano sugli scaffali i prodotti gustati durante il viaggio. Si tratta di un vuoto pesante che non viene purtroppo compensato dalla svolta patriottica degli italiani che per il 93% ha scelto di trascorrere le vacanze in Italia, la percentuale più elevata da almeno 10 anni”.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus