Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Concluso, con la sessione di laurea estiva l’anno accademico 2019/20 - particolarmente segnato dall’ inaspettata comparsa del Coronavirus - gli studenti del corso di Pastorale della bellezza dell’Istituto superiore di scienze religiose metropolitano “don Tonino Bello” di Lecce non si sono fermati.

 

Seppure immersi in questo tempo estivo fatto purtroppo ancora di tante restrizioni, fermamente decisi a valorizzare i nostri tesori, nei giorni scorsi, guidati da don Adolfo Putignano, docente di storia locale, hanno ancora una volta scelto di percorrere la “strada” (CLICCA QUI) della bellezza recandosi per l’occasione nella magnifica basilica leccese di Santa Croce.

Ebbene, giunti in basilica si comprende fin da subito come non si tratti di una semplice visita guidata ma al contrario, un incontro approfondito che permette di riconoscere nella bellezza che si manifesta agli occhi non solo qualcosa di astratto, ma esperienza da vivere ed opportunità da cogliere e su cui poter scommettere per una nuova evangelizzazione; per orientare l’esistenza dell’uomo verso l’incontro con Dio.

Ovviamente non una bellezza esteriore ma una bellezza da custodire interiormente basata sui veri valori della vita; quegli stessi che possano donarle un gusto decisamente migliore! Ecco quindi come un monumento può divenire non solo traccia del passato ma memoria autentica e viva dalla quale bisogna farsi interrogare per recuperare quell’idea di bellezza che troppo frequentemente dimentichiamo! Custodi del creato, proponiamoci dunque di accogliere, condividere, trasmettere con umiltà il prezioso tesoro che ci è stato donato trasferendo quella stessa bellezza in quella delle nostre relazioni quotidiane nutrendoci di profondità, generosità, autenticità, gratuità così come lo stesso vangelo ci propone di fare!

                                                                                                                       

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus