Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Martedì 25 febbraio alle 17 presso l’Istituto superiore di scienze religiose metropolitano di Lecce verrà presentato il volume «Un pensare ri-conoscente» del filosofo e teologo Klaus Hemmerle.

La presentazione avverrà presso la sala conferenze del seminario arcivescovile in piazza duomo a Lecce. Interverranno la curatrice del volume, la prof. Valentina Gaudiano, e il prof. Antonio Bergamo, che dialogheranno sul tema del libro.

L’appuntamento verrà introdotto dall’arcivescovo di Lecce, mons. Michele Seccia, e dal direttore dell’Issrm, mons. Luigi Manca. Klaus Hemmerle (1929-1994) è stato un filosofo e teologo tedesco noto in particolare per il suo programmatico testo «Tesi di ontologia trinitaria», un originale contributo al rinnovamento del pensiero cristiano. Il volume raccoglie una serie di contributi sul rapporto tra teologia e filosofia, molti dei quali per la prima volta tradotti in italiani.

«Un pensare ri-conoscente» costituisce una ricerca intensa e crescente che dal dialogo tra sacro e pensiero, tra verità e testimonianza, fino alla questione del tempo e della Trinità e del rapporto tra verità e amore, conduce alla domanda del pensare e del suo relazionarsi con l’evento della rivelazione e con la fede. La cura del dettaglio, lo sguardo rivolto su tutta la realtà circostante, non prendendo nulla per già noto e conosciuto, ci offre uno strumento che può ridare slancio sia alla filosofia che alla teologia, affinché si mettano in gioco per offrire risposte alla cultura di oggi.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus