Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Prende il via lunedì presso il Sacro Convento di Assisi (ore 10), il corso intensivo di alta specializzazione postuniversitario “Guida turistica - Architettura e arti per la liturgia”, promosso fino al 20 febbraio dal Pontificio ateneo S. Anselmo, dall’Istituto teologico di Assisi (Ita) e dall’Istituto superiore di scienze religiose di Assisi (Issra).

Obiettivo del programma “comprendere il ‘cos’è’ una chiesa, ovvero come si struttura simbolicamente e funzionalmente un edificio cultuale” per “fornire alle guide turistiche una puntuale qualificazione in ambito liturgico, al servizio del quale l’architettura e le arti pongono la loro strumentazione”, si legge in un comunicato.

Ad aprire il corso (l’iscrizione può essere fatta lunedì stesso) la prolusione di Stefania Proietti, sindaco di Assisi, su “Assisi e l’acquedotto del ‘Sanguinone’”. A seguire gli interventi di J. Pereira su “Elementi di liturgia del XIII secolo” e di G. Guidarelli su “La chiesa francescana”.

Sempre il 17 si parlerà anche di liturgia conventuale francescana e di convento e città. Martedì 18 febbraio e nei giorni seguenti, le lezioni si svolgeranno dalle 9.15 alle 17.15. Il primo intervento del 18 sarà quello di G. Guidarelli su “Il chiostro”. Seguirà P. Maranesi con “La figura di Francesco” e A. Dall’Asta con “Origini di un ‘nuovo’ spazio liturgico”. Il corso si conclude il 20 febbraio con le lezioni degli esperti umbri M. Soranzo su “Programmi iconografici, spazi celebrativi e devozionali”, e E. Lunghi su “Le trasformazioni tridentine nelle Basiliche di Assisi”.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus