0
0
0
s2sdefault

Nella giornata di ieri presso l'Istituto di scienze religiose metropolitano "Don Tonino Bello" di Lecce si è svolta la seduta di lauree triennali.

Diversi anni fa Umberto Eco avrebbe detto proprio questo:"Per me l'uomo colto è colui che sa dove andare a cercare l'informazione nell'unico momento della sua vita in cui gli serve.” Questa frase potrebbe essere la sintesi per chi ha svolto il delicato e impegnativo  lavoro di un progetto di tesi.

E proprio ieri mattina presso l'Istituto di scienze religiose metropolitano "Don Tonino Bello" di Lecce si è svolta la sessione autunnale delle tesi di laurea triennale.

Otto i candidati che hanno sviluppato interessanti progetti di ricerca.
Quarta Annarita con una tesi di laurea dal titolo "Talento, Vocazione, Lavoro: un approccio educativo" coadiuvata dal relatore prof. Tempesta Marcello, Mazzotta Luca che ha esposto la tesi "Il Vangelo della famiglia nella Familiaris Consortio e nell'Amoris Laetitia" guidato dal professore Cipressa Salvatore. A seguire Muci Roberto che ha presentato il suo elaborato "Cristo l'amore oltre la morte speranza per l'uomo traiettorie escatologiche in J. Ratzinger e J. Moltmann”. Ed ancora Caforio Andrea ha discusso la sua tesi "Dio che è amore e l'Occidente europeo ipotesi di interpretazione" , Cirfeta Antonio con "L'essere in-comprensibile l'onnipetenza di Dio e il mistero del male" tutti e tre accompagnati dal professore Bergamo Antonio. Infine il professore Cucurachi Luca relatore di Mannarini Carlo con la sua tesi "Atto, Azione e persona tra Maurice Blondel e Karol Wojtyla”, Mazza Enrico Simone autore della tesi" La questione della volontà in Barsanufio e Giovanni Gaza" e Perrone Matteo Damiano che ha esposto il suo elaborato "Volontà e soggettività. Confronto tra Sant'Agostino, E. Husserl e P. Ricouer".


La sessione è stata presieduta da Mons. Luigi Manca, direttore dell'istituto di Scienze religiose.

 

 

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus