Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

La custodia e la bellezza del creato sono stati i temi principali della seconda e ultima giornata del corso di formazione per l’aggiornamento dei docenti di religione cattolica della Diocesi di Lecce (22-23 gennaio 2019, presso l’aula del Liceo Scientifico “Banzi Bazoli” di Lecce).

Le riflessioni sono state guidate da don Sebastiano Pinto, docente di Sacra Scrittura all’Università Gregoriana in Roma, e dal prof. Carlo Alberto Augieri, docente dell’Università del Salento.

La creazione, come racconta il libro della Genesi, è frutto della volontà di Dio che ha creato il mondo per amore e nella libertà, come ha affermato nel suo intervento iniziale don Sebastiano:

«Il mondo trae origine dalla libera volontà di Dio, il quale ha voluto far partecipare le creature al suo essere, alla sua saggezza e alla sua bontà. Dio ha creato  l’universo per eccedenza d’amore, per avere qualcuno di fronte a sé cui fare i suoi doni meravigliosi».

La natura, continua il biblista,  non è consegnata al dominio dell’uomo, ma è data solo in custodia all’uomo, come dono affidato alla sua responsabilità, e l’uomo, creato a immagine di Dio, deve custodire il mondo creato bello e buono nel suo esistere e nella sua finalità.

Nel libro di Genesi - come racconta l’autore biblico - da un caos senza vita si giunge ad un cosmo fecondo. Per sei volte risuona la frase: «Dio vide che era cosa buona». Per l’uomo e per la donna, il testo sottolinea: «Dio vide che era cosa molto buona». Il termine ebraico tov, utilizzato per esprimere la meraviglia del creatore, ricopre entrambi i significati di bello e di buono, a significare che bontà e bellezza sono costitutive della creazione.

Il tema della bellezza è stato ripreso dal prof. Augieri, che nel suo intervento ha sottolineato come la visione del creato diventi un’epifania della bellezza: «La creazione è un’esperienza di stupore che sorprende, come quando ci troviamo di fronte a qualcosa “altro da noi” che, venendoci incontro, ci interroga, ci interpella. È fonte di meraviglia, occasione di lode, in cui gioiamo della bellezza di un oggetto che si porge alla nostra visione. La creazione diventa occasione di contemplazione, che invita a una risposta».

Al temine di questo corso, ecco il messaggio che i docenti di religione porteranno nel loro lavoro quotidiano: “Riconoscere la creazione come opera di Dio è il primo passo per un’autentica custodia del creato, è una vera e propria vocazione. Prendersi cura del creato è un’esigenza della vita cristiana, una responsabilità che occorre assumere a livello individuale e collettivo”.

Si ringrazia Tonio Rollo per il servizio fotografico

 

prossimi eventi

17 Feb
FESTAGIÒ 2K19 Lecce, Manifatture Knos
17.02.19 9:00 am - 6:00 pm

Programma:

ore 9.00 Accoglienza

ore 10.30 Spettacolo/testimonianza

ore 12.30 Concelebrazione Eucaristica presieduta dall' Arcivescovo Michele Seccia

ore 14.30 Laboratori guidati

ore 17.00 Conclusioni e Dj Set

21 Feb

L'arcivescovo Michele Seccia illustrerà la sua prima lettera pastorale "Ascolta popolo mio".

22 Feb

Luogo e orario da definire 

26 Feb

Intervengono don Gianni Caliandro (rettore del seminario regionale di Molfetta), mons. Piero De Santis (direttore dell'Istituto Pastorale Pugliese), Serena Quarta (docente di sociologia Unisalento).

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it