Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Risveglio con brutta sorpresa stamattina per Piazza Duomo. Presa di mira la recinzione metallica del cantiere del presepe che verrà inaugurato sabato 8 dicembre alle 20 dall’arcivescovo Michele Seccia e dal sindaco Carlo Salvemini.

Le scritte nere attribuibili probabilmente a qualche gruppo anarchico sulla facciata frontale del recinto rispetto a chi entra in piazza ed un’altra ancora più grande sul lato del campanile.

“Più sbirri morti” e “Acab”  (All Cops Are Bastards. In italiano: tutti i poliziotti sono bastardi) le scritte comparse, entrambe seguite dalla A cerchiata, il simbolo più famoso del movimento anarchico.

Dura e tempestiva la condanna dell’arcivescovo Michele Seccia che si è accorto del misfatto già alle prime ore dell’alba mentre si recava, come ogni giorno, a celebrare l’eucaristia in una comunità di suore. “Un gesto vandalico e incivile che non ha bisogno di troppi commenti - ha dichiarato Seccia - e che infonde preoccupazione anche in vista dell’apertura del presepe che tra qualche giorno arricchirà con la rappresentazione più simbolica e più tradizionale del Natale cristiano questo ‘salotto’ barocco”.

“Giunga tutta la mia solidarietà - ha proseguito l’arcivescovo avvicinandosi dopo la messa al luogo del misfatto dove già i carabinieri facevano i rilievi di rito prima di affidare agli operai della ditta che sta realizzando il presepe il compito della rimozione delle scritte nere  - a tutte le forze dell’ordine troppo spesso sotto attacco da parte di gruppi che non conoscono il vivere civile e che fanno di tutto per mettere a rischio la quiete e la sicurezza della città”.

“Approfitto di questa infelice occasione - ha concluso Seccia - per manifestare la mia più profonda stima e il mio personale e doveroso ringraziamento alle autorità preposte all’ordine pubblico e a tutte le forze di polizia che a tutte le ore lavorano per garantire serenità e sicurezza alla comunità, spesso nel silenzio e purtroppo, come in questo caso, anche tra le offese e le minacce di gruppi criminali. Spero che questo episodio sia l’ultimo. So bene che già in passato Piazza Duomo e la Cattedrale sono state nel mirino di scritte e danneggiamenti che ne hanno deturpato l’arte e la bellezza: il rispetto delle idee, della cultura, della fede ma anche delle cose altrui, a maggior ragione se fanno parte del patrimonio comune, è il fondamento e l’espressione primaria di ogni libertà”.

Non è la prima volta, infatti, che scritte vandaliche danneggiano le pareti della piazza e della cattedrale: l’ultima risale all’agosto del 2016 sul muro che separa il campanile dal sacrato della chiesa. Fortunatamente questa volta l’attacco ha interessato le pareti mobili e il danno è senza dubbio di minore entità. Ma non il messaggio che, purtroppo, evidenzia  nel ‘sottobosco sociale’ un clima per nulla… natalizio.

 

prossimi eventi

16 Dic

Accoglienza della “Luce di Betlemme” (a cura dell’AGESCI)

18 Dic

A cura della Caritas Diocesana

19 Dic

Dal pranzo a prima di cena

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it