Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Risuonano ancora le parole e l’invito dell’arcivescovo Michele Seccia nell’omelia della Veglia Pasquale la notte del Sabato Santo aspettando l’aurora della domenica di Pasqua.

Un racconto per immagini e parole quello che propone Portalecce nel giorno di Pasquetta affinché - come ha ribadito l’arcivescovo – l’annuncio della risurrezione non diventi soltanto un insieme di riti che prolungano la tradizione ma esperienza esistenziale da vivere ogni giorno.

“Nell’annunciare la sua risurrezione - si è chiesto Seccia - come risposta alla nostra gioia, alla nostra speranza, alla nostra vita dovremmo chiederci: qual è il masso che blocca lo slancio, la testimonianza e l’annuncio della risurrezione, cioè della vita nuova? Perché questa è la Pasqua: il nostro passaggio dalla morte alla vita, dal buio alla luce, dall’uomo vecchio all’uomo nuovo”.

“Dio - ha spiegato - in questa Pasqua ha preparato per noi quel disegno e quell’azione di liberazione, di riscatto e di perdono dei nostri errori e delle nostre chiusure alla sua grazia; si tratta di quelle esperienze di peccato che impediscono al masso che ci tiene chiusi nel sepolcro di rotolare e farci uscire fuori rinnovati. E ognuno di noi sa qual è il ‘suo’ masso: quella pietra che chiude il sepolcro deve essere ribaltata”.

 

 

prossimi eventi

24 Mag

A cura dell’U.C.S. Diocesano e Portalecce, in preparazione alla GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

30 Mag

A cura dell’U.C.S. Diocesano e Portalecce, in preparazione alla GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it