Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Tutti noi speriamo, naturalmente, che la pandemia finisca il più presto possibile.

 

 

Saranno tanti i ricordi che porteremo con noi. Da raccontare alle prossime generazioni. Come negli anni Cinquanta facevano i nostri nonni d’inverno intorno al braciere o d’estate, presso la porta di casa, dove i vicini si raccoglievano in cerchio, per narrare episodi ed esperienze della guerra.

Ci sarà tanto da riferire. Certamente, non si potrà fare a meno di parlare dell’“Italia bella”. Quella meravigliosa folla di persone che non strombazzano spacconate e non appartengono alla categoria degli egoisti rampanti, ma hanno compiuto scelte coraggiose, a volte davvero eroiche e magari pure nell’anonimato. Dimostrando con i fatti che contro il virus il Bene può essere “virale”.

Miracoli di generosissima dedizione. Che normalmente non s’improvvisano, ma fioriscono su solide piante di profonda sensibilità umana e molte volte di raffinata carità cristiana, maturate comunque nell’Amore, capace di vedere, accogliere, donarsi e servire.

Prodigi di genuina fraternità compiuti da una moltitudine che non ha messo in conto la ribalta, ma la condivisione e l’impegno per il Bene comune. L’Italia che dinanzi alla terribile aggressione del Male è stata capace di diventare intrepida fucina di vera fraternità. L’Italia bella che tutti desideriamo e amiamo. E che, nel nostro piccolo, tutti dobbiamo costruire.

 

prossimi eventi

27 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don Adolfo Putignano presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

28 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don  Gianmarco Errico presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

29 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: Padre Francesco Laguna presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

30 Mag

Ore 20,30: l'arcivescovo Michele Seccia presiede la concelebrazione eucaristica della Veglia di Pentecoste con la consacrazione del Crisma e la benedizione dell'olio dei catecumeni e dell'olio degli infermi. Diretta su Portalecce e Telerama

 

 

31 Mag

Ore 18,15:  l'arcivescovo conclude il mese di maggio recitando il santo rosario. Ore 19 Santa messa.