Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

La rivoluzione digitale si aggiorna ulteriormente: la rete sta coinvolgendo più intensamente la gente, e quindi i figli e i padri, la Generazione 3.0 e il mondo degli adulti, anche un po’ avanti negli anni.

 

 

Web e social tante volte sono stati elementi di separazione, ma questo periodo di forzata “clausura” domestica e isolamento sociale ha segnato un ulteriore protagonismo dell’uso del web nelle diverse fasce d’età. Pure per tanti padri e nonni, che molte volte si sono avvicinati ai nuovi media per conoscere e leggere le nuove realtà e seguire i dinamismi virtuali, incontrando difficoltà verso i moderni linguaggi della piazza digitale.

Già tre anni fa il documento preparatorio per il Sinodo mondiale rilevava che “i giovani non si percepiscono come una categoria svantaggiata o un gruppo sociale da proteggere”, ma occorre pure costatare che a loro volta diversi adulti devono superare la tentazione di disattivare social e smartphone per la paura del web, identificato come strumento di perdizione.

Facile citare, a tal proposito, il noto testo, pubblicato un paio di anni, fa Metti via quel cellulare. Un papà, due figli. Una rivoluzione.

Pur diffidenti e impauriti da un mondo nuovo e soprattutto sconosciuto, tanti genitori e anziani stanno invece compiendo un autentico percorso di esplorazione e di uso del digitale, avvicinandosi sempre più alle nuove generazioni che devono accompagnare nella formazione.

Per molti anziani, proprio negli ultimi tempi, la Rete sta così divenendo un rapporto virtuoso, per incrementare opportunità informative e relazionali.

Con la possibilità di allargare i contatti interpersonali, cogliere meglio l’evoluzione della società, rendersi conto in modo più documentato del mondo giovanile.

Anche per le persone più mature la rivoluzione digitale può rendere più bella la vita e più proficui i rapporti tra le diverse generazioni.

 

prossimi eventi

27 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don Adolfo Putignano presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

28 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: don  Gianmarco Errico presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

29 Mag

Ore 18,30: recita del santo rosario.Ore 19: Padre Francesco Laguna presiede l'eucaristia (messa anche su Telerama ch12 - Rosario e altre celebrazioni solo qui).

30 Mag

Ore 20,30: l'arcivescovo Michele Seccia presiede la concelebrazione eucaristica della Veglia di Pentecoste con la consacrazione del Crisma e la benedizione dell'olio dei catecumeni e dell'olio degli infermi. Diretta su Portalecce e Telerama

 

 

31 Mag

Ore 18,15:  l'arcivescovo conclude il mese di maggio recitando il santo rosario. Ore 19 Santa messa.