Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Come passare da "essere rete "a "fare rete" nella nostra diocesi? S'impone una verifica a livello locale: come si interagisce tra realtà ecclesiali e come si comunica la vita ecclesiale e sociale, di ambiti pastorali, di uffici di Curia, di parrocchie, movimenti, associazioni?

Sembra urgente una revisione del nostro camminare insieme, del nostro "presentarci" uniti davanti all'opinione pubblica, è urgente! Fare rete, fautori di fraternità, è​ l'urgenza del momento. 
"VI riconosceranno che siete miei discepoli, da come vi amerete!". I mezzi e gli strumenti restano tali: sono invece le persone, i significati esistenziali e valoriali a fare la differenza.
Un grande sforzo è stato compiuto dal nostro vescovo e dalla diocesi, per fornirci mezzi i della comunicazione più moderna, e ne siamo davvero grati. Ora, però, è da cambiare il nostro modo di rapportarci, di comunicare, di fare rete ecclesiale, per una presenza che sia "luce e sale" nell'oggi che ci pone tante sfide. 
La pastorale della comunicazione attraversa tante sfide. E la pastorale della comunicazione attraversa e unisce tutte le dimensioni dell'azione pastorale.
Certamente è importante la formazione di volontari della comunicazione, ma anche una formazione alle comunicazioni di tutti gli operatori pastorali nei vari settori; fra le altre cose questo ufficio ha in programma di realizzare corsi di formazione per sacerdoti e operatori pastorali. Sarà certamente una sfida importante, ma la storia ci inchioda alle nostre responsabilità. A livello diocesano dobbiamo crescere e prendere esempio dal "centro", dove hanno fatto passi da gigante e compiuto progressi straordinari.
Una Chiesa che non comunica, non evangelizza e non fa cultura, non dà all'uomo di oggi il senso valoriale e cristiano dell'approccio, alla realtà storica che vive. Leggere la realtà e offrire orientamenti cristiani in tutti gli ambiti della vita.
Un progetto ad "intra" che forma ed interagisce; ed un progetto ad "extra" che evangelizza la storia dell'uomo di oggi. Occorre essere convinti, uniti e amanti del Vangelo, della propria comunità diocesana, facendo rete. Non si può più considerare nella Chiesa, e nella nostra diocesi, la comunicazione come la cenerentola della pastorale. Saremmo fuori tempo... fuori rete!
Canta Francesca Michelin: "Nessun grado di separazione/Nessun tipo di esitazione/non c'è più nessuna divisione tra noi/siamo una sola direzione in questo universo/che si muove/.

Solo se si è presi dal sogno si può abitare la realtà.

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus