Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Domani 24 maggio mons. Cristoforo Palmieri, vescovo emerito di Rreshen in Albania compie ottant'anni. Per questo alle 19 nella chiesa di Santa Maria dell'Idria a Lecce l'arcivescovo Michele Seccia presiederà l'eucaresti di ringraziamento.

 

E quanti lo hanno conosciuto e quanti hanno collaborato con lui ringrazieranno il Signore per il dono ricevuto attraverso i suoi insegnamenti ed i suoi continui stimoli a servire i poveri “nostri Signori e Padroni” nello spirito vincenziano. Al termine della messa chi vorrà potrà porgergli gli auguri nel chiostro parrocchiale.

Cristoforo Palmieri entra nel mondo religioso il 26 settembre nel 1960; nel marzo 1967 viene ordinato sacerdote dopo i suoi studi filosofici e teologici nella Congregazione della Missione. Esercita il ministero pastorale presso alcune parrocchie dell'Italia meridionale, per ultimo a Lecce. Inizia ad insegnare religione nelle scuole secondarie; viene nominato vice-direttore della Caritas diocesana di Lecce.

Cinquant’anni di sacerdozio al servizio degli ultimi secondo lo spirito e l’insegnamento di San Vincenzo de Paoli, fondatore della Congregazione dei Preti della Missione. È certamente questa la sintesi del ministero di mons. Cristoforo Palmieri, per oltre vent’anni in Albania prima come sacerdote missionario, vicario generale, successivamente amministratore diocesano, nel 2000 Amministratore apostolico nominato da Papa Giovanni Paolo II e  dal 2005 come primo vescovo della diocesi di Rreshen.

Qui ha fondato una Missione Vincenziana: dopo il lungo periodo della dittatura comunista che aveva distrutto ogni segno del cattolicesimo, arrestato, torturato e ucciso sacerdoti, religiosi e laici, mons. Palmieri ha dato vita a una grande opera di evangelizzazione ed un grande ed impegnativo lavoro di costruzione e restauro di chiese in tutta la regione e nella diocesi.

E ancora, le comunità cristiane di Napoli, Lamezia Terme e Lecce lo hanno conosciuto quale parroco fedele al servizio sacerdotale e premuroso verso i poveri. Durante il suo ministero di parroco nella parrocchia di Santa Maria dell’Idria, tra le numerose iniziative e opere caritative si ricorda “Casa Betania” che per oltre vent’anni ha accolto anziani soli ed indigenti, Emmaus centro di accoglienza notturna e nel 2004 la realizzazione della Scuola Professionale “San Giuseppe operaio” in Rreshen - Albania

Dopo il ministero episcopale in Albania è tornato nella comunità vincenziana leccese dove continua con energia e tenacia a svolgere il suo ministero episcopale in profonda comunione con la Chiesa locale e in spirito di servizio verso l'arcivescovo Michele Seccia.

 

prossimi eventi

17 Giu

A Conclusione dell’anno pastorale dell’Apostolato della Preghiera.

23 Giu

Seguirà Processione Eucaristica con conclusione in Piazza Duomo.

28 Giu

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it