Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Taglio del nastro domani per LecceEcclesiae, il progetto che la diocesi di Lecce ha affidato alla cooperativa Art Work e che rappresenta una svolta per la città in chiave di offerta turistica e di fruizione del barocco leccese.

 

Ieri, intanto, l’arcivescovo ha voluto conoscere gli oltre trenta neo assunti (tutti in divisa sulla quale compare il logo di Portalecce, partner dell’iniziativa) dalla Cooperativa Art Work accompagnati dal presidente Paolo Babbo e a tutti ha augurato buon lavoro. “Siate contenti – ha detto loro mons. Michele Seccia nel ringraziarli – non per l’opportunità che questa Chiesa vi offre ma per la soddisfazione che avvertirete dentro quando svolgerete con professionalità e serietà il vostro lavoro”.

Il presidente di Art Work, Paolo Babbo ne spiega i dettagli.

Presidente Babbo, LeccEcclesiae rappresenta una novità per il turismo che giunge a Lecce ma anche un modo originale di recuperare, proteggere e rilanciare l'arte barocca. Cosa cambierà da domani?

Prima di tutto sarà finalmente garantita, nei mesi di maggiore affluenza turistica, l’apertura prolungata delle principali chiese: il duomo e la cripta, la basilica di Santa Croce, le chiese di San Matteo e di Santa Chiara, il Museo diocesano d’arte sacra presso il palazzo del seminario saranno aperti tutti i giorni, comprese le domeniche e i festivi, con orario continuato dalla mattina alla sera, precisamente dalle 9 alle 21.

 

Apertura dei luoghi e accoglienza, come già anticipato, saranno ovviamente offerte dietro il pagamento di un ticket…

Certo, i turisti potranno accedere con un ticket a pagamento, mentre i fedeli potranno entrare senza alcuna formalità in qualsiasi momento. Per tutti i residenti nei comuni della diocesi di Lecce, per espressa volontà dell’arcivescovo Michele Seccia, l’ingresso è assicurato con un ticket gratuito. Viene potenziata la custodia dei beni e - grazie alla presenza costante degli operatori - garantito un maggior decoro. Inoltre, sarà implementato il servizio di accoglienza e di informazione rivolto ai visitatori che scelgono i luoghi della fede, grazie alla consegna di materiale informativo. Insomma, si migliorano e qualificano complessivamente i servizi per i turisti e si concorre fattivamente al mantenimento e al restauro di questi straordinari luoghi identitari per la comunità, tra i più rilevanti simboli del barocco leccese.

La genesi del progetto ha dovuto attraversare non poche resistenze. Tavoli di confronto hanno consentito una rimodulazione dell'offerta. In sintesi, quali sono gli aspetti più rilevanti?

Trattandosi della prima esperienza sul territorio per un simile progetto, è stato importante e significativo il confronto e il contributo di tutti, avendo sempre la capacità di comprendere posizioni e idee che, spesso, si sono rivelate foriere di interessanti valutazioni. Ne è conseguito il perfezionamento complessivo del progetto con ulteriori dettagli operativi come il piano delle tariffe e le specifiche agevolazioni, rispondendo meglio alle esigenze dei turisti, del territorio e degli operatori del commercio, dell’artigianato, del turismo.

Nuovi posti di lavoro: un aspetto dal grande valore sociale. Con quante unità si parte e quante se ne aggiungeranno in progress?

È un’operazione sociale e imprenditoriale che comporta l’impiego di molte energie e risorse per assicurare servizi adeguati e professionali, impegnando uno staff che attualmente conta trenta unità, di cui otto provenienti dalle categorie protette. Il successo del progetto ci auguriamo possa determinare anche per noi ulteriori ricadute occupazionali, senza dimenticare quelle che saranno generate dall’indotto.

La sinergia con Portalecce. In quali modi concretamente il portale diocesano dell'informazione sarà funzionale al progetto?

Il partenariato con Portalecce (sul cui portale comparirà il collegamento con il sito-biglietteria di LecceEcclesiae, chieselecce.it) costituisce per questo progetto la garanzia di essere inserito in un programma di informazione autorevole e affidabile, quindi rappresenta certamente un punto di partenza per una comunicazione efficace e moderna rivolta al mondo dei fedeli e non solo dei turisti.

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it