Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Credidimus charitati. “Abbiamo creduto all’amore”. Questa professione di fede, essenziale quanto incisiva, campeggia nello stemma episcopale di mons. Donato Negro, arcivescovo di Otranto.

Come radici antiche che sempre più vanno a fondo, ancorando la pianta alla terra, e come germogli nuovi che anticipano la primavera, queste parole raccontano la storia di un uomo, di un sacerdote, di un vescovo e del popolo a Lui affidato, che ieri sera, nella magnifica cattedrale idruntina, si è stretto attorno al suo pastore  nel XXV anniversario della sua ordinazione episcopale, per elevare l’inno di lode a Cristo che continua a guidare la Chiesa attraverso i successori dei suoi apostoli, come ha sottolineato nel saluto di apertura il vicario generale, don Giuseppe Mengoli.

Nella cattedrale, “l’Albero della vita, che sempre si lascia attraversare in lungo e in largo” (dall’omelia del vescovo), ha accolto l’ingresso di S.E Mons. Donato Negro, preceduto da tutti i sacerdoti della diocesi e amabilmente accompagnato e sostenuto da molti altri suoi confratelli nell’episcopato, tra cui il metropolita del Salento mons. Michele Seccia, l'arcivescovo di Bari-Bitonto mons. Francesco Cacucci (già arcivescovo di Otranto) e mons. Marcello Semeraro, salentino anche lui e vescovo di Albano, a cui è toccato l’onore di leggere la lettera di benedizione di Papa Francesco.

Anche il cardinale Salvatore De Giorgi ha partecipato alla solenne concelebrazione  e la presenza di tanti vescovi, dei sacerdoti e del popolo tutto è stata accolta con gratitudine e gioia da mons. Negro che ha sottolineato, con le parole di San Gregorio Magno “L’onore mio è l’onore della Chiesa Universale” (concetto ribadito nel saluto conclusivo da mons. Cacucci), l’opportunità o meglio la necessità di celebrare l’anniversario di un’ordinazione episcopale, in unità con tutto il popolo e i confratelli, perché il dono dell’episcopato non è per uno solo, ma è un dono per una comunità che ha a sua volta la responsabilità di sostenere con affetto il proprio pastore.

È in festa dunque tutta la Chiesa di Otranto, che mons. Negro guida dall’inizio del nuovo millennio. È in festa anche la diocesi di Lecce, in cui egli è nato, cresciuto nella vocazione, è stato ordinato sacerdote ed ha svolto il suo primo servizio pastorale. È in festa la Chiesa di Puglia, che lo onora nel ricordo del suo mandato come rettore del Seminario regionale di Molfetta e si stringe attorno a lui quale attuale Presidente della Conferenza episcopale pugliese. È la festa della Chiesa Universale che cammina unita verso una nuova primavera e sa di poter annunciare un’alba nuova, perché ha creduto nell’amore.

 

prossimi eventi

17 Feb
FESTAGIÒ 2K19 Lecce, Manifatture Knos
17.02.19 9:00 am - 6:00 pm

Programma:

ore 9.00 Accoglienza

ore 10.30 Spettacolo/testimonianza

ore 12.30 Concelebrazione Eucaristica presieduta dall' Arcivescovo Michele Seccia

ore 14.30 Laboratori guidati

ore 17.00 Conclusioni e Dj Set

21 Feb

L'arcivescovo Michele Seccia illustrerà la sua prima lettera pastorale "Ascolta popolo mio".

22 Feb

Luogo e orario da definire 

26 Feb

Intervengono don Gianni Caliandro (rettore del seminario regionale di Molfetta), mons. Piero De Santis (direttore dell'Istituto Pastorale Pugliese), Serena Quarta (docente di sociologia Unisalento).

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it