0
0
0
s2sdefault

Gli auguri consueti ma insoliti di don Franco Lupo per questo Natale diverso. Il sacerdote ultranovantenne ha declamato “Le pittule”, una delle sue liriche in vernacolo tra le più note.

 

 

Il regalo di don Franco del 2020 (CLICCA QUI PER IL VIDEO), racconta un Natale d’altri tempi e di una Lecce che forse non c’è più e della quale, nella poesia, traspare profonda nostalgia. Ma c’è tanto profumo di casa e di famiglia. Quello che possiamo gustare di più in questi giorni di isolamento. Ecco il testo integrale con la traduzione.

 

LE PITTULE (di Franco Lupo)

Le pittule cce ssuntu, me sai tire?                                                 

Nnu picca de farina a mienzu ll’egghiu.

Ma lu Natale nu se pò sentire

se mancanu le pittule, lu mègghiu.

Le pittule la sira te Natale

le frice mama e jeu me le rreggettu!

su' belle, caute e nnu me fannu male,

puru se quacchetuna bruscia am piettu.

Le pittule, a Natale, su' de casa,

pe lli signuri e pe li pezzentusi,

le iti tutte ntaula ntru lla spasa,

le mangianu li ecchi e lli carusi.

La uéi nna pittulicchia, Mmamminieddhru?

autru nu tegnu, santu frusculieddhru!

 

Le “pittule” cosa sono, mi sai dire?

Un poco di farina in mezzo all’olio.

Ma il Natale non si può sentire/apprezzare

se mancano le “pittule” che (sono) il meglio.

Le “pittule” la sera di Natale le frigge

mia Madre e io me le mangio (con grande piacere)!

Le “pittule” a Natale sono di casa, sia dei

signori che a (casa) dei villani.

Le mangiano i vecchi e i giovani…

la vuoi una “pittulicchia” Bambinello mio?

Non ha altro da darti santo piccolino.

 

Scuola Diocesana di formazione teologica

Forum Famiglie Puglia