Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Per l’occidente cristiano l’Epifania celebra la manifestazione di Dio agli uomini attraverso il Figlio.

Come qualsiasi festa religiosa solenne, si usava chiamarla “Pasqua” o “Pasquetta” e, quindi, “Pasqua Epifania”. L’originario nome latino nel corso del tempo da Epiphânīa (manifestazione), diventò Pifania, Bifania, Befania, e, infine, Befana.

Prima che si affermasse la consuetudine di offrire regali natalizi, erano i Re Magi – che il calendario liturgico considera Santi - ad avere questa funzione in ricordo dei tre doni offerti al Bambino per eccellenza; poi è toccato ad una figura non inquadrabile nella tradizione cristiana portare ai bambini i regali e, in alcuni casi, addirittura carbone, a quelli che lo avessero meritato.

La Befana è la personificazione di Madre Natura che ha terminato il proprio ciclo di vita ed è pronta per cominciarne uno nuovo. Prima di abbandonare i luoghi terreni a cavallo di una scopa, elargisce piccoli, modesti regali o dolciumi, da intendere come i semi che, germogliando, risorgeranno ad una vita nuova a primavera.

Questa vecchia rinsecchita nessuno l’ha mai vista da vicino perché circolerebbe di notte ed userebbe scendere dalla cappa del camino, il tempo di riempire di doni o, ripetiamo, di carbone, le calze lasciate appositamente appese e ripartire subito.

Per chi ha vissuto la propria infanzia aspettando la Befana più che Babbo Natale rimane il ricordo di un’attesa carica di magia perché il personaggio, benché raffigurato con sembianze che incutevano paura, era attesa dai bambini perché portava loro i doni tanto attesi.

 

prossimi eventi

29 Gen

Incontro diocesano di preghiera ecumenica con la presentazione dell'arcivescovo Michele Seccia dei presbiteri e dei pastori delle Chiese Cristiane presenti in Lecce.

29 Gen

      

 

scuola diocesana di formazione teologica


 

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it