Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Nella deliziosa chiesa barocca di Sant’Anna, a due passi da Porta Rudiae a Lecce domenica sera sono riecheggiate musiche e armonie composte proprio nell’epoca che ha reso famosa la città di Lecce.

Nel quadro del Festival organistico del Salento, il maestro Francesco Scarcella ha eseguito al clavicembalo brani di autori salentini del periodo barocco, preceduti da piacevoli e dotte presentazioni, mostrando la ricchezza di una produzione musicale ancora largamente sconosciuta.

Il pubblico, numeroso e attento, ha così avuto modo di gustare brani di Leonardo Leo (originario di San Vito dei Normanni), Nicola Fago (nato a Taranto), Girolamo Mercarne detto il Montesardo e Giovanni Paisiello di Taranto, i quali a Napoli e per l’Italia godettero di gran fama, ma che ancora oggi faticano a trovare spazio nel panorama culturale del “barocco leccese”.

L’iniziativa è stata curata dall’associazione “Antonio Pignatelli” che promuove la conoscenza del vasto patrimonio culturale “barocco” di cui Lecce è scrigno spesso inconsapevole.