Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Se una famiglia in condizioni di estrema miseria non aveva più nulla di cui disfarsi, ma era bisognosa di racimolare pochi provvidenziali centesimi, lu pezzaru comprava i capelli delle donne che, dopo un opportuno trattamento, servivano per confezionare parrucche e chignons posticci.

In alcuni centri del Salento li pezzari erano detti anche sapunari, saponai, perché contraccambiavano la merce sopradescritta con una manciata di sapone rosso, che producevano in casa bollendo potassa, cenere ed acqua, dalla consistenza cremosa, un tempo usato in casa come detergente per stoviglie.

Per approfondimenti: R. Barletta, Ci tene arte tene parte, Grifo, Lecce 2011

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it