Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Quando gli indumenti e gli accessori non si gettavano come si fa oggi, si scambiavano con altra merce o, addirittura, si vendevano.

Per esempio, le scarpe vecchie, benché sfruttate fino all’inverosimile, erano particolarmente richieste da lu pezzaru, un uomo di per sé cencioso, impropriamente definito straccivendolo in quanto gli stracci li comprava, non li vendeva. Attirava l’attenzione di chi voleva disfarsi dei sopraccitati indumenti comprese le scarpe logore e sfondate, con un ritornello a volte petulante: pezze ecchie, scarpe ecchie te indere!, pezze vecchie, scarpe vecchie da vendere!

Per approfondimenti:

  1. Barletta, Ci tene arte tene parte, Grifo, Lecce 2011

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus