Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Lu mpagghiasegge, letteralmente l’impagliasedie, benché effettuasse le riparazioni più impegnative nella bottega, non disdegnava di aggirarsi per le strade dei rioni popolari.

Offriva, seduta stante, la sua prestazione perché una sedia, seppure dozzinale, improvvisamente sfondatasi o sgangheratasi, ritornasse comoda e sicura. Il suo grido era: a ci giustamu le seggele giustamu, le mpagghiamu, le tengimu!, a chi aggiustiamo le sedie… le aggiustiamo, le impagliamo, le tinteggiamo!

Per approfondimenti: R. Barletta, Ci tene arte tene parte, Grifo, Lecce 2011