Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

All’amore dei tifosi per i colori della loro maglia hanno risposto concretamente e, questa volta, non sul campo, i giocatori e lo staff tecnico del Lecce Calcio.

 

 

Nella hall del Dea, il nuovo Dipartimento di emergenza ed accettazione del presidio ospedaliero “Vito Fazzi” trasformato per far fronte all’emergenza di questi giorni in ospedale COVID-19 e che ha già accolto i primi pazienti affetti da Coronavirus, si sono ritrovati nella mattinata odierna i giocatori del Lecce che hanno scelto di donare all’Ospedale 3 ventilatori polmonari forniti dalla MedicAir, azienda impegnata nella lotta contro il Coronavirus e tutte le patologie respiratorie. Un gesto spontaneo di generosità e amore per la terra nella quale vivono e nei confronti dei salentini che affrontano questo momento difficile dovuto all’emergenza Coronavirus e di gratitudine per il personale medico ed infermieristico quotidianamente in campo contro il virus.

Ad accogliere Fabio Lucioni e Marco Mancosu, in rappresentanza della squadra, nel Dea erano presenti il direttore generale dell’Asl di Lecce Rodolfo Rollo e Giuseppe Pulito, primario del Dipartimento di anestesia e rianimazione. “Un piccolo gesto da parte nostra per manifestarvi gratitudine e vicinanza in questo momento difficile”, queste le parole dei calciatori alla consegna dei tre ventilatori; parole di ringraziamento per la donazione da parte del primario e del dott. Rollo: “A noi il compito di affrontare questo momento di emergenza, a voi quello di traghettare verso la normalità della quotidianità i cittadini una volta superata questa fase”.

Sono scesi in campo tutti insieme in quella che sicuramente è la partita più difficile da giocare, contro un avversario invisibile e forte in casa e fuori casa, una partita nella quale l’unico risultato sperato e gradito è la vittoria! Per conseguire questa vittoria i giocatori si sono dati da fare in questi giorni in diversi modi, attraverso la beneficenza, la decurtazione degli ingaggi, la messa all’asta delle maglie.

 

prossimi eventi

31 Mag

Ore 18,15:  l'arcivescovo conclude il mese di maggio recitando il santo rosario. Ore 19 Santa messa.