0
0
0
s2sdefault

Dal prossimo anno la Giornata mondiale della gioventù a livello diocesano sarà trasferita dalla Domenica delle Palme alla Solennità di Cristo Re.

 

 

Lo ha annunciato Papa Francesco ieri al termine della messa celebrata ieri nella basilica di San Pietro e conclusasi con il passaggio della Croce della Gmg dai giovani panamensi ai giovani portoghesi.

“Scegliere, soprattutto oggi, è non farsi addomesticare dall’omologazione - ha detto ai giovani durante l’OMELIA -, è non lasciarsi anestetizzare dai meccanismi dei consumi che disattivano l’originalità, è saper rinunciare alle apparenze e all’apparire”.

“Scegliere la vita è lottare contro la mentalità dell’usa-e-getta e del tutto-e-subito, per pilotare l’esistenza verso il traguardo del Cielo, verso i sogni di Dio - ha proseguito Francesco”. “Scegliere la vita è vivere, e noi siamo nati per vivere, non per vivacchiare. Questo lo ha detto un giovane come voi”, la citazione del Beato Pier Giorgio Frassati: “Io voglio vivere, non vivacchiare”. 

È da qui, per il Papa, che bisogna partire per superare gli “ostacoli” di “tutti i giorni”, i tanti “dubbi” e “perché” che insidiano “le grandi scelte generose”: “C’è la febbre dei consumi, che narcotizza il cuore di cose superflue. C’è l’ossessione del divertimento, che sembra l’unica via per evadere dai problemi e invece è solo un rimandare il problema. C’è il fissarsi sui propri diritti da reclamare, dimenticando il dovere di aiutare. E poi c’è la grande illusione sull’amore, che sembra qualcosa da vivere a colpi di emozioni, mentre amare è soprattutto dono, scelta e sacrificio”.

Infine l'annuncio della decisione di Papa Francesco con queste parole: "E mentre ci prepariamo alla prossima edizione intercontinentale della Gmg, vorrei rilanciare anche la sua celebrazione nelle Chiese locali. Trascorsi trentacinque anni dall’istituzione della Gmg, dopo aver ascoltato diversi pareri e il Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, competente sulla pastorale giovanile, ho deciso di trasferire, a partire dal prossimo anno, la celebrazione diocesana della Gmg dalla Domenica delle Palme alla Domenica di Cristo Re".  Il Papa ha spiegato che "al centro rimane il Mistero di Gesù Cristo Redentore dell’uomo, come ha sempre sottolineato San Giovanni Paolo II, iniziatore e patrono delle Gmg". Aggiungendo: "Cari giovani, gridate con la vostra vita che Cristo vive e regna! Se voi tacerete, grideranno le pietre!".

 

Scuola Diocesana di formazione teologica

Forum Famiglie Puglia