Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

“Sono vicino con affetto alla moglie Maria e alla famiglia nel ricordare il maestro Ennio Morricone: lo affido a Dio perché lo accolga nell’armonia celeste, forse assegnandogli l’incarico per qualche partitura da far eseguire ai cori angelici”.

 

 

Così il card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura, ricorda in un tweet Ennio Morricone, morto nella notte a Roma, all’età di 91 anni.

Sempre in un tweet, il porporato ricorda inoltre l’ultimo “incontro festoso” con il maestro Morricone, il 15 aprile 2019, quando gli consegnò a nome di Papa Francesco la Medaglia d’oro del Pontificato.

“Ha dato forma alla bellezza”. Dichiara così, invece, Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della Cei, apprendendo la notizia della morte del maestro.
“La sua musica - ha sottolineato Corrado in una nota - ha scandito la crescita umana e spirituale di intere generazioni, aprendo all’incontro e disegnando itinerari verso il trascendente. Siamo grati al Maestro Morricone perché la sua comunicazione, attraverso la musica, è stata sempre ispirata da verità, bontà e bellezza”.

“Dal dopoguerra a oggi - sottolinea ancora Corrado - Morricone ha accompagnato la vita tutti noi spingendoci a scoprire sempre sfumature musicali nuove. Muovendosi sul pentagramma Morricone ha esplorato tutti i confini musicali, trovando nella composizione da film il suo orizzonte di senso”.
Non solo nella musica e nel mondo della cultura Ennio Morricone è stato una figura esemplare. Anche nella vita si è distinto, legato dall’amore per la moglie Maria sposata nel 1956, con cui ha avuto quattro figli, insieme per oltre 60 anni, cui ha dedicato tutti i suoi premi, tra cui l’Oscar alla carriera.

“Morricone - ricorda in conclusione Corrado - ha dimostrato nel corso della sua vita impegno civile e testimonianza religiosa. In particolare, sull’onda della tragedia dell’11 settembre 2001 ha composto ed eseguito ‘Voci dal silenzio’, che è diventato poi un canto per tutte le vittime di stragi e tragedie nel mondo”.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus