Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

In questi tempi segnati da una grande variabilità culturale e sociale la questione legata alla formazione delle giovani generazioni è al centro del dibattito culturale, politico-internazionale.

 

 

Il problema, infatti, è abbastanza complesso. Le giovani generazioni sono il futuro dell'umanità, ma ci sono tante differenze culturali tra i popoli, disuguaglianze economiche tra gli stati sociali.
Gli adulti di oggi confidano nei giovani adulti di domani e nella loro capacità di risolvere le questioni vitali, quali la cura e la preservazione dell'ambiente, la promozione dei diritti umani, la giustizia e la pace.
Una delle istituzioni internazionali che si fa interprete dell'importanza di gettare oggi le basi per la costruzione di un futuro migliore è l’Organizzazione delle Nazioni Unite.
Gli otto obiettivi di sviluppo del millennio, sono un esempio di questa politica di attenzione, che promuove azioni concertate dalla comunità internazionale in vari campi: sanitaria-ambientale ,economico per lasciare in eredità un futuro che almeno sia vivibile, se non sereno.
Le giovani generazioni di oggi si trovano in uno stato singolare e  spinti come sono naturalmente dal desiderio di fondare un nuovo mondo, e di abitare in un clima pacifico cercano di realizzare i loro progetti, con un ostacolo enorme.
L'ostacolo, non è dato solo dalle proprie incapacità, ma è supportato da una condizione sociale e culturale, molto difficile ed ambigua.
Il Papa, per questo si è  rivolto a tutti gli "uomini di buona volontà” ed in particolare, ai giovani cattolici, per esortarli a portare nel mondo digitale la testimonianza della loro fede.
"Carissimi, sentitevi impegnati ad introdurre nella cultura di questo nuovo ambiente comunicativo e informativo i valori su cui poggia la vostra vita! Nei primi tempi della Chiesa, gli Apostoli e i loro discepoli hanno portato la Buona Novella di Gesù nel mondo greco romano: come allora l’evangelizzazione, per essere fruttuosa, richiese l’attenta comprensione della cultura e dei costumi di quei popoli pagani nell’intento di toccarne le menti e i cuori, così ora l’annuncio di Cristo nel mondo delle nuove tecnologie suppone una loro approfondita conoscenza per un conseguente adeguato utilizzo. A voi, giovani, che quasi spontaneamente vi trovate in sintonia con questi nuovi mezzi di comunicazione, spetta in  particolare il compito della evangelizzazione di questo ‘continente digitale’. Dobbiamo farci carico con entusiasmo,
dell’annuncio del Vangelo. Questa è la risposta alle grandi sfide antropologiche di cui abbiamo preso coscienza”

 

prossimi eventi

3 Lug

Presiede l'arcivescovo Michele Seccia

4 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo Michele Seccia con il solenne rito della discesa della croce

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus