Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Se il presupposto è che "l'etica è il nostro modo di stare al mondo" (S.Natoli), per "tenuta etica" si deve intendere la fedeltà ai principi etici fatti propri. Se n’è parlato ieri a “In prima linea. Vivere con la fede al tempo del Coronavirus”, la trasmissione di Radio Vaticana condotta da Stefano Leszczynski

 

 

ASCOLTA:  

In breve – sintetizzano gli ospiti diLeszczynski, Rocco D’Ambrosio e Sebastiano Maffettone -se aspiriamo alla costruzione di una società migliore per il dopo-pandemia non dobbiamo discostarci dalla via etica "maestra" che abbiamo scelto e fatta nostra.
Rocco D'Ambrosio, docente di filosofia politica alla Pontificia Università Gregoriana, sintetizza così il dilemma che ci attamaglia dall'inizio della crisi sanitaria: come cambierà la società dopo questa terribile esperienza? La responsabilità, sembra di capire, è individuale, prima ancora che collettiva.
A interrogarsi sugli sviluppi della nostra età, da molti definita Antropocene - e cioé era dell'uomo - è anche Sebastiano Maffettone, docente di filosofia politica alla Luiss. Nel suo ultimo libro, intitolato "Quarto shock: come un virus ha cambiato il mondo" proprone il tentativo di costruire una filosofia del presente sulla pandemia da Covid-19 con gli strumenti dell'etica pubblica e del pensiero critico.

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus