Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

“Nella confusione delle voci e dei messaggi che ci circondano, abbiamo bisogno di una narrazione umana”.

 

 

Parte dal “tracciato” delle parole di Papa Francesco “La vita si fa storia”, la proposta di riflessione e di approfondimento - raccolta in un volume edito da Scholé, a cura di Vincenzo Corrado e Pier Cesare Rivoltella - avanzata dall’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali (Ucs) della Cei e dal Cremit (Centro di ricerca sull’educazione ai media all’innovazione e alla tecnologia). L’iniziativa editoriale, dal 2019, si arricchisce anche grazie all’impegno dell’Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) e intende stimolare gli operatori della comunicazione e gli educatori in relazione alle suggestioni che il Santo Padre ci propone nel Messaggio per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali - pubblicato integralmente - in programma quest’anno il 24 maggio sul tema: “Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2).

Dire l’indicibile. “I testimoni diretti, forse più di altri operatori dell’informazione e della conoscenza, hanno il compito e la responsabilità di provare a dire l’indicibile”, scrive la senatrice Liliana Segre, a cui è affidato il primo commento alle parole di Francesco: “E possono farlo proprio in ragione dell’autorevolezza che viene loro dall’esperienza diretta, dall’essere prova vivente di quanto pare impossibile a dirsi e spiegarsi. Certo resterà sempre uno scarto fra la parola e la realtà, fra il dire e l’indicibile, uno scarto che forse neanche l’esperienza diretta potrà mai colmare, tanto più per il tempo in cui testimoni non ve ne saranno più”.

C’è racconto e racconto. “Papa Francesco ha il coraggio di dire apertamente che c’è racconto e racconto”, osserva il teologo e artista Padre Marko Ivan Rupnik, autore anche della copertina del libro, in esclusiva: “Non ogni racconto è buono. Oggi, nella cultura contemporanea, siamo talmente vulnerabili attraverso i sensi a ciò che colpisce immediatamente, a ciò che ci pervade all’istante, a ciò che può captare tutta la nostra esistenza, riempirla con sensazioni mai provate, e siamo forse impoveriti nel gusto della vita, quella che riempie l’uomo dissetandolo per sempre”.

Il balsamo della memoria. “Per i comunicatori la memoria è l’unico criterio che permette di sfuggire all’assolutizzazione della novità”, sostiene Vincenzo Corrado, direttore dell’Ucs: “Fermo restando che ‘dare l’ultima notizia’ - come si dice nel gergo giornalistico - è prioritario per qualsiasi organo informativo, occorre scongiurare il pericolo di una ‘dittatura del presente’. L’istantaneità dei messaggi fagocita la tessitura del messaggio, di quel senso che aiuta a comprendere i fatti, di quel senso che emerge in ciò che avviene e che aiuta nella comprensione. Non è una demonizzazione della tecnologia, ma una presa di coscienza per una comunicazione pensata e che faccia pensare”.

Denunciare il brutto e scoprire il bello. “Non sempre ci rendiamo conto di quanto importante sia il ruolo della comunicazione nell’essere strumenti di comprensione o di fraintendimento, nel costruire o nel distruggere una consapevolezza responsabile, nel nutrire o nel mal-nutrire le nostre identità in divenire”. A lanciare il grido d’allarme è Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede, secondo il quale “a ognuno è richiesta questa capacità di vedere e di raccontare. Di denunciare il brutto e di scoprire il bello. Di trovare un riscatto anche al dolore, alla sofferenza; una prospettiva a ciò che appare inspiegabile. E di esprimere questo racconto con le parole, con le immagini, con la musica; di farlo vivere e respirare e crescere anche nell’arte, nel cinema, nella fiction. Per certi versi anche di più”.

Narrare il bene. “La narrazione è un bisogno strutturale dell’uomo”, sostiene Pier Cesare Rivoltella: “Saper narrare comporta sapienza, discernimento, coraggio e pazienza; occorre imparare a contrapporre racconti di bene ai cattivi racconti; raccontare e raccontarsi significa obbedire al dovere della testimonianza”.

 

scholè

 

prossimi eventi

3 Lug

Presiede l'arcivescovo Michele Seccia

4 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo Michele Seccia con il solenne rito della discesa della croce

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus