Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

L’arte come insegnamento, come strumento di verità, come segno luminoso di Dio. Sarà un viaggio nell’esperienza della bellezza nella fede tra grandi opere d’arte, sculture e cattedrali quello proposto nella puntata di “Sulla via di Damasco”, in onda domani 18 agosto, alle 9.10 su Raidue.

 

In apertura, la conduttrice Eva Crosetta presenterà la meraviglia del Cristo Velato di Giuseppe Sanmartino, nella cappella di Sansevero a Napoli: un’opera che parla al cuore, che emoziona per la tecnica sopraffina e per il pathos del suo messaggio.

Si proseguirà con un’immersione nella vita e nella rivoluzione stilistica del Caravaggio: la luce strumento che dà espressione e drammaticità ai personaggi del Vangelo. Seguendo la devozione delle prime comunità di Roma, spazio poi ai riflessi della fede in un tempio di archeologia: la cripta della chiesa di Santa Maria in via Lata (Roma). La lezione spirituale della bellezza si soffermerà successivamente sugli affreschi della basilica di Santa Caterina d’Alessandria (Galatina), uno scrigno d’arte dove il messaggio della Salvezza riverbera tra più stili, romanico, gotico, normanno e bizantino.

L’itinerario, accompagnato dalle testimonianze di esperti, si concluderà in un luogo la cui bellezza fa “pregustare la vita eterna”: il mausoleo di Galla Placidia (V sec.), con lo splendore dei suoi mosaici, a Ravenna.