Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Comincia oggi, a Brindisi, la quarta edizione del meeting internazionale dei giovani per la pace “Carta di Leuca 2019”, dal titolo “Mediterraneo: agorà dei popoli”.

 

A organizzarlo, la Fondazione “De Finibus Terrae”, parco culturale ecclesiale promosso dalla diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca. I partecipanti saranno accolti al museo archeologico F. Ribezzo dalle rappresentanze delle associazioni “Unione Africana” e “Nigeriani a Brindisi”.

Riccardo Rossi, sindaco di Brindisi e presidente della Provincia, saluterà i giovani a Palazzo Granafei-Nervegna. L’associazione “Brindisi e le Antiche Strade” accoglierà i giovani provenienti dalle diverse sponde del Mediterraneo nel Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, mentre gli organizzatori dell’evento “BrindisFish - pesci fuori d’acqua” nel Chiostro di San Paolo.

Il programma dell’evento proseguirà con il trasferimento ad Alessano dove, davanti alla tomba di don Tonino Bello al cimitero di Alessano, è previsto l’incontro con mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, e Giancarlo Piccinni, presidente della Fondazione “Don Tonino Bello”.

Nelle cinque giornate di eventi che seguiranno, “Carta di Leuca” si cimenterà a sviluppare il tema dell’Agorà, la piazza. Momento culmine, la silenziosa marcia notturna che, nella notte tra il 13 e il 14 agosto, illuminerà con migliaia di fiaccole il cammino che da Alessano conduce alla basilica santuario “De Finibus Terrae”.

 

prossimi eventi

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus