Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

La gioia di vivere un momento di grazia con lo sguardo rivolto a colei che ha generato il figlio di Dio. E affidarsi alla sua celeste protezione con un atto formale che suggella amore e devozione al tempo stesso.

La città di Trepuzzi invoca Maria con un giubileo straordinario, che durerà un intero anno, voluto proprio per testimoniare il culto alla Madonna, che in tante circostanze ne ha tutelato le sorti, mostrando il suo materno patrocinio. La solenne cerimonia di apertura si è tenuta lo scorso 1° gennaio, al cospetto di numerose autorità civili e militari, delle comunità parrocchiali, delle confraternite e del mondo dell’associazionismo, con l’intervento dell’arcivescovo di Lecce, mons. Michele Seccia

“Una partecipazione davvero eccezionale di tantissimi cittadini - ha sottolineato mons. Vincenzo Marinaci, parroco di Maria SS. Assunta - ha fatto da magnifica cornice a questo evento unico. La venerazione dei trepuzzini nei confronti della Vergine è molto radicata, ed il giubileo mariano celebra e concretizza, di fatto, il grande attaccamento dell’intera comunità alla regina del cielo”.

L’inaugurazione, come detto, ha visto la presenza dell’arcivescovo di Lecce. Accolto in largo Margherita dal sindaco di Trepuzzi, Giuseppe Taurino, che nel suo discorso di saluto ha confermato che la città si fregerà del titolo di “Civitas Mariae”, mons. Seccia ha guidato la processione che ha raggiunto la chiesa matrice per la celebrazione della santa messa.

“È stato bello vedere il nostro arcivescovo condividere con noi l’emozione di questa occasione speciale. Le sue riflessioni costituiscono un notevole impulso a vivere l’anno giubilare con impegno e la giusta considerazione. Ha usato parole molte incisive, che richiamano noi cristiani e credenti ad una maggiore coerenza nel nostro quotidiano. L’invito di mons. Seccia è quello di non fermarsi all’apparenza, solo all’aspetto celebrativo della festa, ma proprio grazie all’intercessione di Maria, riscoprire il senso autentico della nostra fede, per raccoglierne poi i frutti in ambito educativo e formativo”.  

Durante la santa messa è stata data lettura della Bolla di indizione dell’Anno mariano.

Il prossimo appuntamento del giubileo mariano si terrà in aprile, nella ricorrenza della Madonna dei Miracoli.      

    

 

 

prossimi eventi

9 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

10 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

11 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

13 Lug

Celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo Michele Seccia

Chiesa di Lecce per il Coronavirus