Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Si celebra domenica 13 ottobre la Beata Vergine delle Grazie di Sanarica alla quale, in Via mare a San Pietro Vernotico, è dedicata una cappella.

La devozione alla Madonna delle Grazie di Sanarica ha origini lontane, intorno alla fine del 1800, quando furono in tanti i cittadini di Sanarica, piccolo centro salentino, a lasciare il proprio paese e trasferirsi a San Pietro Vernotico per lavorare negli oliveti o vendemmiare. Furono loro a trasmettere la devozione alla Madonna di Sanarica ai Sampietrani; una famiglia donò una stanza ed al suo interno venne ubicata la statua della Madonna di Sanarica dando vita a quella che oggi è la cappella ad essa dedicata.

La seconda domenica di ottobre in Via mare ed in tutto il paese si respira aria di festa; i fedeli si preparano con una novena nella cappella; il giorno della festa la statua della Madonna viene traslata processionalmente nella chiesa madre dove a celebrare la santa messa sarà il parroco della comunità di Sanarica, don Emanuele Vincenti. Una tradizione che si è radicata tra le due comunità negli anni dando vita, nel 1983, ad un gemellaggio voluto dagli allora parroci ed amministratori. Così, dopo essere stati il 6 settembre in pellegrinaggio a Sanarica, i sampietrani, insieme all’arciprete don Benedetto Strumiello ed al sindaco Pasquale Rizzo, si apprestano ad accogliere i fedeli di Sanarica accompagnati dal loro parroco e dal sindaco, Salvatore Sales.

Il clima di festa va oltre il sentimento religioso: durante il giorno in Via mare ci sarà il tradizionale mercatino con prodotti tipici e la degustazione delle “Pucce cu le ulie” accompagnate da un bicchiere di buon vino offerto dal comitato organizzatore composto per lo più da residenti nei pressi di Via mare e da devoti.

Al termine della messa, dopo aver riportato la statua della Madonna nella sua cappella, la festa continuerà con uno spettacolo musicale della pop-band Blu 70, un gruppo di musicisti salentini che allieteranno la serata con musica anni 70 e 80.