Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Entrano nel vivo i festeggiamenti comunitari in onore dei Santi Angeli Custodi, titolari e patroni dell’omonima parrocchia di San Pietro Vernotico.

Un programma, come di consueto, ricco di iniziative spirituali e ricreative che coinvolge tutti i fedeli stretti attorno al parroco don Vincenzo Martella e ai propri protettori celesti, la cui devozione e il culto permea tutta la vita dell’intera Comunità parrocchiale.

Il programma completo degli appuntamenti è iniziato con la Peregrinatio del quadro dell’Angelo Custode in alcuni quartieri della parrocchia dove con, brevi e intensi momenti di preghiera si è riflettuto sulla presenza e la missione di questi esseri celesti nella vita di Gesù e in quella dell’intera umanità.

Al centro del programma, la cerimonia di re-intitolazione delle strade urbane al primo parroco don Vincenzo Marzo e al costruttore della chiesa, l'arch. Giuseppe Zander e una serie di celebrazioni liturgiche con il mondo sanitario, il mondo della scuola, le famiglie e i bambini battezzati durante l’anno.

Il piazzale dell’oratorio sarà la cornice dei festeggiamenti civili con il saggio-concerto del Music Lab “Amandla” ieri sera insieme agli ospiti della comunità del Centro diurno “Osiride” e ospiterà invece stasera l’attesissimo spettacolo di cabaret dei “MalfAttori”.

Il culmine della festa nei giorni 1 e 2 ottobre. L’appuntamento vigiliare vedrà snodarsi tra le strade della parrocchia la tradizionale processione con il simulacro del santo seguita dalla celebrazione eucaristica presieduta da mons. Vincenzo Marinaci con la benedizione della lunga vita agli anziani della comunità.

Il 2 ottobre la solenne celebrazione eucaristica vedrà la presenza dell’arcivescovo mons. Michele Seccia e subito dopo il consueto appuntamento con la “Sagra della Friseddhra”, iniziativa nata negli anni ottanta e consolidata nel corso del tempo con spettacoli musicali e intrattenimenti vari.

La serata della festa sarà dedicata al Salento con lo spettacolo dell’oratorio: un mix di tradizioni, danze e canti tipici locali allieteranno il pubblico presente che trascorrerà qualche ora in piacevole allegria e spensieratezza.