0
0
0
s2sdefault

 

Il termine "vizio capitale" deriva, in senso metaforico, dal termine capo, nel senso di principio e trascinatore di altri. E allora vizio capitale non solo è principio di altri, ma ne è pure la guida e in qualche modo il trascinatore. Ecco perché S. Gregorio paragona i vizi capitali ai comandanti di un esercito” (Somma teologica, I-II, 84, 3). La lussuria, che è uno dei 7 vizi capitali che provengono dalla Sacra Scrittura, non è la semplice dedizione ai piaceri sensuali. La lussuria diventa un vizio quando il costante volgersi del pensiero al desiderio impedisce il normale svolgimento dei nostri doveri quotidiani. Per questo la Chiesa ha sempre insegnato ad impegnare la mente e i pensieri alle cose sane,  per questo insegna la virtù del senso del pudore. Dice infatti Gesù: «Ascoltatemi tutti e intendete bene: non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo». (Mc.7,14-15)

 

Scuola Diocesana di formazione teologica

Forum Famiglie Puglia