Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

I giovani e i giovanissimi della parrocchia Sant’Andrea apostolo di Novoli, hanno scelto come meta estiva per lo svolgimento del camposcuola 2019, Gualdo Tadino, un paese di circa quindicimila abitanti, in provincia di Perugia.

Nella bella regione umbra i ragazzi hanno portato tutta la loro voglia di divertirsi insieme, senza trascurare l’aspetto formativo che da sempre caratterizza questa tipologia di viaggio. Il camposcuola, infatti, nasce proprio come un’opportunità data ai giovani per riflettere su alcune tematiche sociali e di fede. In una società in cui poco si parla di Dio, soprattutto tra le nuove generazioni, risulta importante conoscere il loro parere rispetto ad alcuni argomenti, come anche i loro timori e speranze. L’Azione cattolica di Novoli, nello specifico, ha scelto come tema per quest’anno, il “credo”: una riflessione profonda sulla professione di fede cristiana. Ogni giorno, per sei giorni, si è lavorato sulla conoscenza di una piccola parte del credo, suddiviso per argomenti (Dio Padre creatore del cielo e della terra, Gesù Cristo, il mistero della Trinità, etc.). Temi importanti, che hanno generato anche animate discussioni e soprattutto la richiesta di spiegazioni più esaustive rispetto ad alcuni punti. Si è capito quanto è importante parlare di Dio senza mai slegarlo dall’esperienza dell’amore che lo rende certamente più vicino e facilmente comprensibile.

Oltre al tempo dedicato alle attività di gruppo, il campo-scuola offre, inoltre, la possibilità di conoscere anche nuove città. I giovani, insieme agli educatori e i due sacerdoti della comunità, il parroco don Stefano Spedicato e don Mimino Vetrugno, hanno avuto l’opportunità di visitare, Assisi e Gubbio, affidando ai santi protettori Francesco e Chiara, il loro cammino associativo e comunitario.

Inoltre, il viaggio si è concluso con una prova di coraggio: prima di fare ritorno a casa, i ragazzi hanno fatto tappa presso il parco avventura Nahar in provincia di Terni. Il parco prevedeva un percorso tra gli alberi umbri realizzato con ostacoli, ponti e lanci con la carrucola. Il tutto in assoluta sicurezza e pieno divertimento.

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it