0
0
0
s2sdefault

Anche se in streaming, le emozioni si sono fatte sentire. E vibrando con forza dalle corde del suo violino sono arrivate dritte al cuore degli spettatori che a migliaia hanno seguito la diretta facebook sulla pagina di Portalecce (CLICCA QUI).

 

 

Il maestro salentino Alessandro Quarta, musicista di fama internazionale, ha ricevuto ieri mattina il premio al merito per la solidarietà. Un omaggio al violinista da parte del progetto “La Casa della Befana” di Monteroni, il tradizionale appuntamento che ha debuttato negli anni scorsi dagli schermi Rai.

L’evento, momento clou dell’edizione 2021 della manifestazione solidale, si è svolto nella chiesa madre del paese e a porte chiuse a causa delle restrizioni anti-Covid. A parlare sono state soprattutto le note del suo violino. Quarta ha deliziato il pubblico virtuale con un concerto particolare: un’ora di musica e di emozioni attraversata dal dialogo con l’arciprete, don Giuseppe Spedicato. Il violinista ha raccontato la sua storia di artista, le difficoltà della pandemia, ma anche la sua esperienza personale segnata dal dolore. E soprattutto ha parlato del suo grande amore per la musica.

Con l’esibizione in diretta, nella chiesa madre di Monteroni, il violinista è tornato a suonare in pubblico per la prima volta dopo alcuni mesi tremendi, segnati anche dalla lotta contro alcuni problemi di salute. “Se si parlasse di più ai giovani della bellezza della grande musica, e se tv e radio trasmettessero ogni giorno più brani di musica classica, sarebbe un mondo migliore”, ha sottolineato l’artista salentino.

Il premio è stato consegnato dal sindaco di Monteroni, Mariolina Pizzuto: “Un uomo dal talento eccezionale e dal cuore grande”, ha sottolineato il primo cittadino salutando il musicista. Quarta, che col suo violino continua a far battere i cuori di piccoli e grandi, è stato premiato per le sue iniziative di fraternità e solidarietà anche nei confronti dei bambini meno fortunati che ogni giorno combattono nei reparti oncologici.

Questa la motivazione del riconoscimento: “Motore, anima e cuore di eclettiche iniziative benefiche sempre al servizio solerte degli ultimi”.

Foto di Rodolfo Pati.

 

Scuola Diocesana di formazione teologica

Forum Famiglie Puglia