0
0
0
s2sdefault

Un anno fa l’improvvisa e prematura scomparsa del medico Alfonso De Carlo, ortopedico ed ex amministratore comunale di Monteroni.

 

 

 

Un camice bianco amico della sua comunità: stimato per la professionalità, ma anche per le doti umane e la disponibilità, per l’impegno nel sociale e nel mondo dell’associazionismo. Il dott. De Carlo era uno specialista e nel corso della sua carriera ha lavorato in diversi ospedali. E inoltre ha portato la sua missione tra gli “ultimi”: svolgeva, infatti, con dedizione anche l’incarico di responsabile medico dell’area ambulatoriale e del reparto detentivo di ricovero della casa circondariale di Lecce. Il 22 aprile 2019, il giorno di pasquetta, la sua vita è stata stroncata all'improvviso, a 56 anni, a causa di un malore. Un lutto che ha lasciato il segno.

“Caro Alfonso, è passato un anno dalla tua dipartita, ma tu - si legge nel commosso messaggio che la famiglia De Carlo ha affidato a Portalecce - sei sempre presente nel ricordo di chi ti ha conosciuto come persona buona, cordiale, accogliente, generosa, sempre pronta ad intervenire e a prestare la tua opera con capacità professionale e umana. La tua memoria resterà nel nostro cuore”.

Il medico si è spento lasciando la compagna, i figli, i genitori, le sorelle, i nipoti, gli amici e i tanti e affezionati pazienti. E questa sera, alle 19, nella chiesa madre di Monteroni sarà celebrata una messa di suffragio, che sarà presieduta dal parroco don Giuseppe Spedicato. La liturgia si svolgerà ovviamente a porte chiuse. Ma, come sta accadendo sin dall'inizio dell’emergenza sanitaria, sarà comunque trasmessa in diretta streaming dalla pagina Facebook della parrocchia Maria SS. Assunta. Familiari, amici, colleghi e l’intera comunità si ritroveranno virtualmente per ricordare e per pregare insieme per il dott. De Carlo, nel primo anniversario della scomparsa.

Negli anni scorsi, il medico è stato anche consigliere comunale e poi assessore all'igiene e alla sanità a Monteroni. E proprio nel corso del suo incarico amministrativo diede il 'la' all’iter del progetto del “Centro della salute”: un poliambulatorio pubblico che ha aperto i battenti proprio pochi mesi fa nel rione dell’Assunta, in un immobile di proprietà comunale. Più di dieci anni fa, inoltre, fondò il gruppo Facebook “Quelli di… Monteroni di Lecce” (di cui è stato fino all’ultimo anima ed amministratore) che oggi conta quasi 9mila iscritti: un modo per “fare comunità”. Un’idea che ha portato avanti con passione e amore per il suo paese.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus