0
0
0
s2sdefault

Anche il nostro territorio sta pagando il suo “dazio” quasi crudele alla forza subdola del virus. Monteroni di Lecce, attualmente sta saldando questo maledetto “conto”,  in termini di vite umane, a questa “strage”: 5 morti, tre donne e due uomini, strappati agli affetti più cari.

 

 

Diventa difficile, quasi impossibile, cercare un perché a tutto questo, a questo stillicidio umano.

“È una strana sensazione - confida l'arciprete don Giuseppe Spedicato - quello che stiamo vivendo e provando in questi giorni: paura, incertezza, frustrazione, tensione, dubbi. Anche come sacerdote vi assicuro non è facile per me vivere questa situazione, celebrare la santa messa sine populo, dare il segno della pace e vedere una fila di banchi vuoti, stare in chiesa senza incontrare nessuno.  Il momento più difficile diventa certamente quello di celebrare i funerali. È straziante vedere salme in cimitero senza il conforto dei parenti e dei familiari, benedire con l’acqua santa e dare un messaggio di speranza a quelle pochissime persone chi ti stanno attorno”.

“È allora - conclude don Giuseppe - che la speranza non può venire meno, la fiducia in Dio. Credo che in questi momenti, come non mai, è necessario rivolgere fisso lo sguardo in Gesù. In questi attimi, quando sembra che tutto il mondo ci crolli addosso, e che nulla vada per il verso giusto, Signore sia benedetto il tuo Nome. Aiutaci a compiere la tua volontà, anche quando le cose vanno come non vorremmo”.

È questa la preghiera, quasi una sorta di riflessione, che don Giuseppe Spedicato ha rivolto, lo scorso 18 marzo, al Crocifisso miracoloso della cittadina salentina. Una semplice e genuina meditazione fatta dal pastore delle anime di Monteroni, centro martoriato dal virus, che vuole rappresentare una parola di conforto, un messaggio di aiuto, un segnale di speranza:

“Guarda Signore Crocifisso benigno la terra di Monteroni

tu conosci le vicende tristi e liete del nostro passato,

le gioie e le angosce del momento presente,

i progetti e le speranze per l'avvenire.

Non ci venga mai a mancare il tuo aiuto, o Padre:

proteggi le case, le famiglie,

le scuole, le officine,

i luoghi di ospitalità e di assistenza

e ogni ambiente di vita e di lavoro.

Circonda del tuo amore i cittadini

qui residenti o emigrati in altre regioni;

fa' che non si estingua nelle nuove generazioni

la fede trasmessa dai padri;

resti vivo e coerente

il senso dell'onestà e della generosità,

la concordia operosa,

l'attenzione ai piccoli, agli anziani e ai sofferenti,

l'apertura verso l'umanità

che in ogni parte del mondo soffre, lotta e spera

per un avvenire di giustizia e di pace.

Intercedano per noi la Vergine Maria

San Antonio di Padova, nostro Patrono,

e tutti i testimoni del Vangelo

i cui nomi sono nel libro della vita.

Risplenda il tuo volto, o Padre,

sulla comunità di fede e sulla società civile,

e la tua benedizione ci accompagni nel cammino del tempo

Verso la patria futura”.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus