Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

La comunità di Melendugno tornerà ad unire l’importante tema della sicurezza alla guida al caro ricordo delle vittime di incidenti stradali, con una commemorazione che prenderà vita domenica prossima, 17 novembre, data in cui ricorre la giornata nazionale per le vittime della strada.

Al termine della messa delle 10,30 infatti, dalla chiesa madre avrà inizio un corteo con la partecipazione dei ragazzi del catechismo e dell’Istituto “Rina Durante”, per poi raggiungere piazza Borgo Sant'Antonio dove è ubicato il monumento dedicato alle vittime di incidenti stradali.

Inoltre, l'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada di Melendugno e Borgagne insieme alla parrocchia Maria SS. Assunta e all’amministrazione comunale di Melendugno, hanno invitato tutta la comunità a partecipare attivamente alla messa in ricordo delle vittime della strada di Melendugno e Borgagne che si terrà nella parrocchia di Melendugno alle 18.

Si partecipa sempre meno a queste iniziative di sensibilizzazione, queste problematiche sembrano non appartenerci; eppure tante sono le vittime delle strada italiane, tantissimi i disabili gravi ed innumerevoli i feriti prodotti da questa guerra non dichiarata.” Così si esprime il parroco don Salvatore Scardino in merito a questa iniziativa, e conclude: “Non può, anzi non deve esaurirsi tutto nel ricordo di un giorno. Bisogna fermare questa strage, bisogna che questa battaglia non sia portata avanti da pochi, ma deve essere un problema affrontato con grande serietà e concretezza da tutti. Per la sicurezza stradale Istituzioni e cittadini devono lavorare insieme, più mani e più menti possono vincere questa battaglia”.

14