Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Don Salvatore Scardino, parroco di Melendugno, ha colto insieme alla sua comunità l’invito di Papa Francesco ad attivarsi concretamente nei confronti dei più poveri e delle famiglie bisognose.

La Caritas parrocchiale infatti, solo nel territorio comunale si ritrova a dover aiutare circa 60 famiglie con l’erogazione di abbigliamento ed alimenti sostenendo oltre 150 persone.  Così, in occasione della Giornata mondiale dei poveri che ricorrerà il prossimo 17 novembre, la locale parrocchia ha avviato due iniziative nel tentativo anche di sensibilizzare la comunità su questo delicato tema, che ci vengono illustrate brevemente proprio da don Salvatore.

“La parrocchia di Melendugno - annuncia il parroco - scende in campo per raccogliere l’invito lanciato da Papa Francesco nel suo messaggio per l’occasione; un invito che vuole abbattere le barriere della solitudine che colpisce i nostri fratelli in difficoltà e che incita a collaborare concretamente per essere di aiuto e sostegno attento all’ascolto e ai bisogni delle famiglie della comunità che vivono un momento difficile”.

“A tal proposito – aggiunge -, in collaborazione con la Caritas parrocchiale, sono stati coinvolti attivamente i parrocchiani attraverso la “Coperta della solidarietà” e la “Staffetta solidale”, iniziative che si svolgeranno durante tutta la settimana che si concluderà la prossima domenica con la giornata mondiale dei poveri. La “Coperta della solidarietà” prevede la raccolta di coperte che verranno poi donate a chi ne ha bisogno, mentre, la ”Staffetta solidale” si basa sulla raccolta di generi alimentari che verranno utilizzati dalla Caritas locale per lo stesso scopo. Sono stati coinvolti anche i bambini e i ragazzi del catechismo in modo da spronare tutta la comunità ad andare oltre alle iniziative di sostegno, che devono essere un punto di partenza, ma non di arrivo, così da diventare attenti ascoltatori in un dialogo fraterno attento ai bisogni di chiunque si trovi in un momento difficoltà”.

La consegna delle coperte potrà avvenire anche nel pomeriggio di mercoledì 13 novembre, presso il teatro parrocchiale.