Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

In comunione con Papa Francesco e la Chiesa tutta, anche la Comunità dello Spirito Santo in Lequile ha celebrato la Prima Domenica della Parola di Dio.

Ogni famiglia è stata invitata a portare la Bibbia che custodisce in casa come dono e strumento già presente nel proprio cammino ordinario della fede. All'inizio della liturgia della Parola nella santa messa si è svolta la benedizione sui lettori istituiti e di fatto: “abbiamo il compito di conoscere Dio attraverso la sua Parola, di annunziarlo e di testimoniarlo a tutti, soprattutto a coloro che ancora non lo hanno incontrato”…

Sono stati chiamati per nome i fratelli e le sorelle che si dedicano in maniera speciale alla proclamazione della Parola di Dio, non per mancata timidezza ma perché coscientemente prestano la voce al Signore nel servizio ai fedeli riuniti in assemblea liturgica; mentre ad alcuni rappresentanti della comunità è stata donata la Bibbia per accoglierla e meditarla perché ognuno diventi testimone gioioso di Gesù risorto. Tutti hanno accolto la benedizione, impartita da don Andrea Zonno, con la consapevolezza che ognuna di queste pagine è una lettera d’amore che Dio ha scritto per noi.

Durante l’omelia ha ribadito che nell’Eucaristia, fonte e culmine della vita cristiana, c’è la forza della nostra vita e tutta la ricchezza spirituale, ma come potremmo capire la nostra vocazione, se non attraverso un evento della Parola che Dio compie e rivela nelle nostre vite? Ci affidiamo alla Parola per poter superare tutti gli ostacoli che ci impediscono di seguirlo nel cammino. Lui ci darà la forza, Lui ci dà la salvezza, Lui ci accompagna nel cammino.

Alla fine della celebrazione eucaristica, alle 12 in punto, così come era stato indicato dall'Azione cattolica italiana, tutti i fedeli sono stati invitati a radunarsi nel piazzale del sagrato per partecipare con i rappresentanti del gruppo Ac parrocchiale alla recita della preghiera per la pace, iniziativa, dal titolo “Time Out: l'Ac per la pace” ideata dall'equipe Acr della diocesi di Lecce; il gruppo della Parrocchia dello Spirito Santo ha rappresentato questo momento con una croce al centro del sagrato da cui partivano strisce colorate tese dalle braccia dei ragazzi e con un cartellone bianco con la scritta “Pace”, che si è riempito di messaggi colorati.

 

 

prossimi eventi

1 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

12 Mar

Dal pranzo a prima di cena.

12 Mar
15 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

29 Mar

A cura dell’Ufficio diocesano per la pastorale della Famiglia e della Vita.

Concerto Mozart, Piazzolla e dintorni