Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Il Capitolo generale dei Trinitari riunito a Roma in questi giorni ha eletto Ministro generale Padre Gino Buccarello, 46 anni, salentino di Gagliano del Capo fino ad ora Ministro della Provincia Italiana “San Giovanni De Matha”.

Era stato eletto Provinciale per la prima volta nel 2012 ed è stato il primo Ministro della Provincia riunificata. Padre Gino, per uno disegno della Provvidenza, era nato nell’anno in cui l’antica Provincia Italiana si era divisa in due, ed era divenuto primo Ministro Provinciale nel momento in cui, dopo 38 anni, i Trinitari d’Italia sono tornati a stare insieme nell’unica e sola entità territoriale religiosa del Belpaese che abbraccia anche alcune giovani comunità della Polonia, dell’Austria, del Congo, del Madagascar e del Messico. Ma andiamo per ordine: chi è Padre Gino?

Padre Gino Buccarello nasce a Gagliano del Capo il 6 dicembre del 1974. Dopo aver fre­quentato le scuole medie inferiori del paese natìo, a Tricase prosegue la sua formazione scolastica nel Liceo Scientifico “Stampacchia”. Conosce i Trinitari tramite i frati cui è affidata la sua parrocchia d’origine e in spe­cial modo, grazie al parroco dell’epoca Padre Giovanni Martire Savina, sotto la cui guida matura la sua vo­cazione religiosa entrando in seminario. Dopo la maturità, si reca nell’Istituto trinitario di Somma Vesuviana per intraprendere gli studi di Filosofia che svolge a Napoli nella Facoltà “San Tomma­so”. Frequenta il noviziato a Cerfroid in Francia. Al termine consegue il Baccellierato in Teologia.
Professione solenne il 13 settembre 1998 a Somma Vesuviana nelle mani del Provin­ciale Padre Angelo Cipollone. È ordinato dia­cono il 28 giugno 1999 dal’allora vescovo di Avellino mons. Antonio Forte; sacerdote il 18 dicembre 1999 da mons. Domenico Caliandro a Gagliano del Capo. Diviene subito vice parroco a Somma Vesuviana e incaricato per la Pastorale giovanile della Provincia e dal 1° maggio 2002 è parroco a Gagliano del Capo.

Il 21 novembre 2012 viene eletto Ministro della Provincia San Giovanni de Matha dal Capitolo unificato celebrato nella Domus di Bernalda (Mt). Rieletto il 2 dicembre 2015.

Da ieri è Ministro generale e succede a Padre Jose Narlaly, indiano. Alla guida dell’Ordine dal 2007 per due sessenni.

Il Capitolo generale che proseguirà a Roma a San Crisogono fino al 23 giugno prossimo ha per tema “Chiamato nel disegno della Trinità per annunciare il vangelo”, oltre al rinnovo degli organi di governo dell’Ordine, provvederà a programmare l’azione dei religiosi trinitari nel mondo con uno sguardo particolare ai giovani e alle vocazioni alla scelta trinitaria.

A Padre Gino la famiglia di Portalecce augura buon lavoro e prega la Trinità affinché lo assista in questo nuovo e delicato servizio nell’Ordine che fin dalle sue origini ha svolto la missione della liberazione dell’uomo schiavo, povero, emarginato.

 

 

scuola diocesana di formazione teologica


 

 

CONTATTI

portalecce.it
73100 - Lecce
piazza duomo
tel. 0832.308849

redazione@portalecce.it