0
0
0
s2sdefault

Campi Salentina celebra la sua compatrona, la madre celeste Madonna della Mercede, invocandone ancora di più l’intercessione e la protezione in questo particolare periodo storico.

 

 

Tutto pronto per i solenni festeggiamenti che cadono la terza domenica d’ottobre e si prolungano fino al lunedì e che vedono tutta la comunità in fervente preghiera per la Vergine Maria, venerata appunto con il titolo “della Mercede”.

Una ricorrenza, quella di quest’anno, che si tiene in tono minore, condizionata dall’emergenza legata al rischio di contagio da coronavirus, tanto da costringere il comitato festa a ridimensionare il programma della festa. E quindi, dopo l’annunciato annullamento dell’ultracentenaria fiera, anche gli appuntamenti di carattere religioso hanno subito una decisa limitazione.

A partire dalla novena, che non si è svolta presso la cappella di via Squinzano, ma nella chiesa conventuale della parrocchia San Francesco d’Assisi e con l’accesso contingentato. È venuto meno anche il tradizionale omaggio floreale alla Madonna da parte dei ragazzi del catechismo, proprio per evitare qualsiasi tipo di assembramento. Salvaguardata invece l’usanza dell’esecuzione di due “Salve Regina”, nella versione composta dal maestro campiota Antonio Cappello, che però non si terranno come di consueto al termine delle processioni di apertura e di chiusura della festa, né vedranno la partecipazione di complessi bandistici. Data la circostanza, infatti, la prima interpretazione verrà eseguita domani sera, al termine della santa messa celebrata all’aperto, sul sagrato della chiesa dei cappuccini, mentre la seconda si svolgerà lunedì sera, in chiesa matrice, dove il simulacro della Madonna verrà ricondotto per essere quindi nuovamente ricollocato nella nicchia che lo custodisce durante l’anno.  

Domani, giorno della solennità, alle 7.30 il saluto a Maria con una salve pirotecnica, mentre le funzioni religiose, la mattina sono fissate alle 7, alle 8.30 ed alle 10.30. In serata alle 18.30.

Dopo il rito religioso, come detto, il canto della “Salve Regina”, affidato alla voce della soprano Maria Cristina Fina, accompagnata al pianoforte dal maestro Carlo Chirizzi ed al violino dal maestro Pier Paolo Del Prete.    

Nella mattinata di lunedì, messe alle 7.30, alle 9.30 ed alle 11. La sera, invece, solenne concelebrazione di ringraziamento che si svolgerà alle 19 nella chiesa matrice Santa Maria delle Grazie e sarà presieduta dal vicario generale della diocesi, don Luigi Manca. A seguire ancora la “Salve Reagina”, eseguita dal soprano Doriana de Giorgi, sempre accompagnata dai maestri Carlo Chirizzi e Pier Paolo Del Prete.

Unica manifestazione civile nella due giorni della festa, la passeggiata equestre, giunta all’ottava edizione, che si svolgerà nella mattinata di domani per le vie cittadine e che sarà curata dalla neo costituita associazione “Cavalieri della Madonna della Mercede”.      

 

Scuola Diocesana di formazione teologica