Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
0
0
s2sdefault

Dalla gara di ieri sera contro la Lazio bisogna ripartire per puntare alla salvezza con maggiore fiducia nei propri mezzi.

 

 

È un po’ la sintesi di un match quasi perfetto giocato a gran ritmo dagli uomini di Liverani al cospetto di una squadra, seconda in classifica che, al Via del mare - a onor del vero - è apparsa stanca e confusa. Non certo la Lazio di Inzaghi ammirata nella prima parte del campionato: una vera e propria “schiacciasassi” senza timore e con una carica offensiva di prima classe. D’altronde, la scoppola subita dal Milan in casa sabato scorso, era suonata come un campanello d’allarme: Inzaghi non riesce più a ritrovare lo smalto dei tempi migliori negli uomini-simbolo apparsi anche ieri sera annebbiati e con le polveri bagnate.

E se i laziali hanno da “recriminare” per un paio di miracoli compiuti da Gabriel (clamoroso quello compiuto negli ultimi istanti di recupero sulla palombella di Milinkovic Savic), dovranno pur “ringraziare” l’estremo difensore giallorosso per aver regalato il gol del momentaneo vantaggio ai biancocelesti.

Sull’altra metà campo, da incorniciare le prestazioni dei titolari e dei sostituti inseriti da Liverani in corso d’opera ma una nota di merito in più va assegnata a Lucioni (rientrato dopo la squalifica e autore del gol vittoria) e a Mancosu (suo il gol annullato dal Var a tre minuti da fischio d’inizio) nonostante il primo errore della stagione dal dischetto.

Da elogiare la personalità espressa in campo per tutta la gara ma, soprattutto, la voglia di non arrendersi. I rientri di Majer e Deiola, subentrati nel corso della partita, hanno restituito maggiore compattezza al centrocampo, apparso nelle ultime gare fragile e molle. Anche la difesa, irrobustita negli ultimi minuti dall’innesto di Rispoli, ha retto bene all’urto degli attaccanti laziali.

La classifica torna a sorridere dopo sei sconfitte consecutive e il Genoa – impegnato oggi in casa contro il Napoli – per ora è sotto.

Oggi riposo per tutto. Domani alle 19,30 ripresa degli allenamenti al Via del mare a porte chiuse in vista della gara di domenica in trasferta a Cagliari.

 

Chiesa di Lecce per il Coronavirus